Emorroidectomia m. m.

27 giugno 2013

Emorroidectomia m. m.




23 giugno 2013

Emorroidectomia m. m.

Buondì, mi sono sottoposto a emorroidectomia (3°/4° grado) secondo M M l'11 maggio 2013. Intervento riuscito e dimesso il giorno seguente. Farmaci prescritti antibiotico, RECTOREPARIL e BACTO CARE creme e FISIAN.
I primi 12 giorni a casa ho avuto dolori degni della santa inquisizione ma, mi hanno assicurato che è normale. Bene. Ora a distanza di oltre 40 gg la situazione è la seguente : 1) per quanto il dolore vadobenissimo anche quando evacuo, "da premettere che mantengo le feci morbide con l'alimentazione". La forma delle feci è passata da quella di una "fettuccina" lunga e stretta, a una forma più cilindrica ma di diametro ridotto rispetto a prima dell'intervento.
2°) alla quarta visita di controllo, (ogni martedì il doc visita i suoi pazienti), non ho avuto la forza di farmi esplorare l'interno dell'ano come nelle altre sedute a causa di un indescrivibile bruciore anche all'esterno. Il chirurgo dopo avermi osservato mi ha sospeso Rectoreparil e Bacto Care e prescritto CICATRIDINA spray oltre al bidè con Euclorina diluita, Ora va meglio. Nella precedente visita, la terza, mi aveva parlato di un lieve restringimento, nulla di preoccupante, e mi aveva consigliato, se ce l'avrei fatta, di usare DILATAN. Con enormi sacrifici sono arrivato a inserire quello di secondo calibro.
Ora chiedo secondo voi : 1°) E' necessario fare tutte queste visite "atroci" e così frequenti?
2°) Per un minimo restringimento dell'ano per quanto dovrò usare Dilatan e quanto tenerlo in sede? Le istruzioni parlano di 1 / 3 minuti, io lo tengo non meno di 20, per come detto dal chirurgo.
3°) Che possibilità c'è di avere seri problemi col restringersi dell'orifizio anale? e se succede come si interviene?
Avrete capito che al momento non ho grossissimi problemi ma, sono preoccupato per l'eventuale restringersi dell'ano, e poi al solo pensiero di sottopormi a nuove visite esplorative mi terrorizza. Sono grato e ringrazio da subito per la risposta.

Risposta del 26 giugno 2013

Risposta a cura di:
Prof. ALBERTO TITTOBELLO


Forse non è indispensabile una visita ogni settimana, ma deve continuare a usare il dilatatore e presentarsi alla visita di controllo, diciamo, entro un mese.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)
Risposta del 27 giugno 2013

Risposta a cura di:
Dott. MAURIZIO GIANTURCO


l'emorroidectomia sec. m. m. è gravata nel post-operatorio dal rischio di stenosi cicatriziale per cui è necessario procedere a esplorazione digitale del retto per le 4 settimane seguenti l'intervento. il dolore è causato da spasmo sfintere interno. forse nel suo caso già vi è un po'di stenosi cicatriziale per cui è indicato uso del dilatan


Dott. maurizio gianturco
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia generale
Napoli (NA)
Risposta del 27 giugno 2013

Risposta a cura di:
Dott. MAURIZIO GIANTURCO


l'emorroidectomia sec. m. m. è gravata nel post-operatorio dal rischio di stenosi cicatriziale per cui è necessario procedere a esplorazione digitale del retto per le 4 settimane seguenti l'intervento. il dolore è causato da spasmo sfintere interno. forse nel suo caso già vi è un po'di stenosi cicatriziale per cui è indicato uso del dilatan

Dott. maurizio gianturco
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia generale
Napoli (NA)

Ultime risposte di Stomaco e intestino




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube