Informazioni su esito rm

22 gennaio 2006

Informazioni su esito rm




19 gennaio 2006

Informazioni su esito rm

Ho già scritto due volte ma non ho ricevuto risposta, tranne che per pubblicita. Gradirei se non è troppo disturbo avere una risposta a quanto sottoriportato In seguito a visita ginecologica effettuata a gennaiio 2005 mi è stato riscontrato un ovaio ingrossato. Il ginecologo mi ha detto di fare il dosaggio del ca125 con calma e portarlo a gennaio 2006 in occasione del controllo. A ottobre 2005 ho fatto il dosaggio con valore 405. Ho fatto un ecotransvaginale di cui riporto il risultato: utero antiversoflesso di aspetto scleroipertrofico, margini conservati, sulla parete anterolaterale dx in sede corporale si nota piccolo fibroma a sviluppo sottosieroso, diametro max 8, 6mm ecostruttura del miometro finemente disomogenea apparentemente indenne da grosse formazione nodulari. Isterometria diametro longitudinale 12, 3cm anteroposteriore 75mm trasverso 98mm endometrio di aspetto proliferativo spessore max 3mm profilo lineare ecostruttura omogenea. ovaio dx dimens. 24x13, 5 mm. ecostruttura apparentemente nella norma. ovaio sx dimensioni 31x14mm ecostruttura apparentemente nella norma. Sede di piccola formazione liquida di probabile significato follicolare. non liquido libero nel douglas. A fine ottobre ho rifatto il dosaggio del CA125 risultato 955 e fatti anche i seguenti marcatori: VES 9, CEA 1, AFP 21, 6 CA15-3 32, 7. Mammografia negativa. In data 3/11/05 ho effettuato eco addome completo con il seguente esito: fegato morfovolumetricamente nei limiti ecostruttura omogenea senza evidenti lesioni focali. vie biliari intra ed extra epatiche e la vena porta non sono dilatate. colecisti regolarmente distesa alitiasica. Pancreas e milza nei limiti per dimensioni e struttura. Reni morfovolumetricamente regolari, con corticale di spessore conservato e distribuzione degli echi pielovascolari normale. , bilateralmente in corrispondenza degli echi pielici si osservano minuscoli spots iperecogeni di verosimile significato microlitisiaco e a sx un'incrostazione caliciale (2mm) non dilatazioni idronefrotiche. Aorta addominale ha calibro e decorso regolari. La vescica è normalmente distesa, contorni netti e priva di echi patologici endoluminali. utero in asse, antiverso di dimensioni aumentate (diametro longitudinale 14cm con profili netti ed ecostruttura disomogenea di aspetto fibromatoso. Non sono visibili alterazioni in sede annessiale. Mi sono recata da un oncologo che mi ha prescritto RM e rifacimento CA125. In data 3/01/06 rifatto dosaggio, risultato 288. In data 10/01/06 fatta RM addome completo e pelvi in apparecchiatura open causa claustrofobia e senza contrasto. Esito. Non sono evidenti lesioni focali epato-sp, eniche. Vie biliari non dilatate. Colecisti moderatamente distesa apparentemente indenne. pancreas in sede normale per profili e dimensioni. Reni deformati per presenza di numerosi espansi di tipo cistico. bilateralmente. Sembra apprezzabile lesione apparentemente solida a carico della porzione mediorenale a sn lungo versante postero laterale del diametro di 2, 5cm per la cui definizione si ritiene indispensabile esame ecotomografico ed eventualmente TC. Utero nettamente aumentato di dimensioni struttura disomogenea per la presenza di formazioni fibromiomatose, meritevole di Visita specialistica mirata. Annessi non esattamente riconoscibili. Non sono evidenti adenopatie retroperitoneali. Non sono apprezzabili alterazioni morfologiche o di segnale a carico dei segmenti scheletrici visibili sulle immagini. per arrivare a capire cosa diavolo ho: Grazie Luisa Si prega gentlimente di rispondere e non inviare solo informazioni pubblicitarie.

Risposta del 22 gennaio 2006

Risposta a cura di:
Dott. MARIO MELIS


Ho tovato il suo "romanzo" nelle domane relative all'Urologia ed a questa mi sento di limitarmi.
Non entro dunque nel merito degli ambiti ginecologico ed oncologico puri per ovvi motivi.
Vi sono delle incongruenze nei referti da Lei riferiti in quanto l'eco renale non segnala la possibile neoformazione renale e neppure le, pare, inequivocabili cisti bilaterali (queste ultime impossibile che sfuggano all'eco) riscontrate alla RM.
Deve assolutamente ripetere l'ecografia.

Dott. Mario Melis
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Urologia
CAGLIARI (CA)

Ultime risposte di Salute maschile


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube