Svenimento

19 febbraio 2005

Svenimento




Domanda del 16 febbraio 2005

Svenimento


Ill.mo Dottore, nella notte tra domenica e lunedi u.s., in ben due occasioni e a distanza di due ore, ho perso i sensi: alle 02.00: ho avuto un dolore allo stomaco, mi son avviata in bagno ma ho perso i sensi e nel riprendermi ho vomitato. alle 04.30: ero a letto ed ho avuto dei brividi, nell'alzarmi giusto il tempo di chiamare mia madre e son svenuta di nuovo. preciso che in entrambe le occasioni ho avuto perdita di feci e la prima volta anche vomito, non ho avuto altri sintomi,conduco una vita piuttosto frenetica e soffro di attacchi di panico (mai curati, anche perchè attualmente sono piuttosto sporadici).
Risposta del 19 febbraio 2005

Risposta di BARBARA SANGIORGI


Gli elementi forniti sono pochi: afferma di soffrire di attacchi di panico, questo fa ritenere che abbia già effettuato gli accertamenti volti ad escludere patologie di tipo neurologico ( EEG ..., ha perso le urine oltre alle feci?) e probabilmente episodi simili si sono già verificati. Una volta diagnosticato,è bene che il Disturbo di Panico venga curato con terapia combinata farmacologica e psicoterapeutica, anche se gli episodi fossero sporadici.

Dott.ssa barbara Sangiorgi
Specialista in Psicologia
Casa di cura privata
Specialista attività privata
RIOLO TERME (RA)



Il profilo di BARBARA SANGIORGI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
Mente e cervello
16 settembre 2018
Libri e pubblicazioni
Sindrome di Asperger: graphic novel sulla vita quotidiana di una ragazza
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo
Mente e cervello
13 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
I ragazzi balbuzienti sono più a rischio di bullismo
Adolescenti ribelli. Come gestirli
Mente e cervello
12 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Adolescenti ribelli. Come gestirli