Helicobacter fattore di rischio per ulcere duodenali e gastriche

22 maggio 2012
Aggiornamenti e focus

Helicobacter fattore di rischio per ulcere duodenali e gastriche


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Da uno studio tedesco, risulta che la percentuale di ulcere peptiche attribuibili a infezione da Helicobacter pylori potrebbe essere superiore a quanto si riteneva finora. Un gruppo di 9.953 persone, dai 50 ai 74 anni di età, ha costituito la base per una sperimentazione che, oltre agli esami del sangue di controllo iniziali, ha previsto questionari inviati ai partecipanti e ai loro medici di base per la rilevazione dell'incidenza delle ulcere a due e cinque anni di distanza. Nel corso della loro vita, 1.030 dei partecipanti erano stati affetti da ulcera peptica e, durante il periodo di monitoraggio, 48 hanno avuto per la prima volta un'ulcera duodenale e 22 un'ulcera gastrica. L'infezione da Helicobacter pylori di un particolare ceppo, il cagA-positivo, si è associata a un rischio aumentato di 1,75 volte di ulcera peptica; le analisi hanno rivelato un aumento di rischio rispettivamente di 18,4 e di 2,9 volte di ulcera duodenale e ulcera gastrica. Gli autori, del Centro di ricerca contro il cancro di Heidelberg, ammettono che possano esserci dei limiti nel tipo di analisi dei dati dovuti alla possibile confusione che i partecipanti possono aver fatto tra ulcere gastriche e duodenali. «Tuttavia il nostro studio» sostengono «fornisce forti evidenze che l'infezione da Helicobacter pylori costituisca un fattore chiave di rischio sia per le ulcere duodenali che gastriche. Le analisi longitudinali hanno rivelato una associazione particolarmente forte con le prime».

Tags:

In evidenza:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Morsi di zecca, come comportarsi
Malattie infettive
30 luglio 2021
Notizie e aggiornamenti
Morsi di zecca, come comportarsi
Variante Delta, ecco le 10 regole da seguire
Malattie infettive
22 luglio 2021
Speciale Coronavirus
Variante Delta, ecco le 10 regole da seguire
Covid-19, intelligenza artificiale, un aiuto alla ricerca
Malattie infettive
15 luglio 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, intelligenza artificiale, un aiuto alla ricerca