Cellulite: cosa fare per contrastare la pelle ‘a buccia d’arancia’

23 maggio 2018
Aggiornamenti e focus

Cellulite: cosa fare per contrastare la pelle ‘a buccia d’arancia’


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter
In gergo tecnico si chiama 'pannicolopatia edemato fibro-sclerotica' ma tutti noi la conosciamo con i termini più usuali di cellulite o pelle 'a buccia d'arancia'. Di questo inestetismo soffre l'80 per cento delle donne occidentali ed è imputabile a un'alterazione del microcircolo del tessuto adiposo che provoca uno squilibrio nelle funzioni metaboliche degli adipociti. Ovvero nel tessuto sottocutaneo si forma un accumulo localizzato di fluidi che provoca un danno vascolare e un rigonfiamento (chiamato edema) che deforma le cellule che hanno il compito di stoccare i grassi nel corpo. A causa di questo le membrane che avvolgono le cellule si rompono, con un conseguente accumulo di liquido interstiziale. Successivamente il liquido aumenta compromettendo la funzionalità dei vasi circostanti e gli adipociti perdono la capacità di metabolizzare i trigliceridi (i grassi).

Cause e trattamento


Le cause di questo inestetismo sono varie e hanno molti fattori di predisposizione come l'ereditarietà, gli squilibri ormonali, le alterazioni del metabolismo della tiroide, l'alimentazione e la digestione, le abitudini di vita (fumo, alcool, stress, attività fisica) ma anche la postura e l'abbigliamento (vestiti troppo stretti o scarpe con il tacco molto alto) possono diventare fattori acceleranti della cellulite.
I trattamenti dermocosmetici, nel caso di una cellulite ai primi stadi, possono essere degli ottimi coadiuvanti, così come per prevenire l'inestetismo ma non possono contrastare, da soli, una cellulite molto avanzata. In quest'ultimo caso, infatti, è meglio rivolgersi a un dermatologo o a un medico estetico.
La cellulite tende a peggiorare nel tempo e per questo è indispensabile che sia trattata continuativamente e con impegno appena si presenta. Creme, gel e lozioni, ideali come coadiuvanti per contrastare questo inestetismo, contengono principi attivi che agiscono con diverse modalità: riattivano attraverso il massaggio la microcircolazione che può  così drenare i liquidi in eccesso, favoriscono il corretto stoccaggio dei lipidi, rinforzano le pareti dei vasi sanguigni per diminuirne la permeabilità, rassodano e lisciano l'epidermide eliminando rugosità e irregolarità della pelle.

L’importanza della corretta applicazione


Ogni prodotto anticellulite può avere metodi applicativi diversi a seconda della sua forma fisica e della sua formulazione. Alcuni, infatti, si assorbono velocemente, altri richiedono massaggi prolungati, altri devono essere applicati in due fasi diverse. Il massaggio preventivo della zona da trattare, prima di applicare il dermocosmetico è sempre utile perché attiva la microcircolazione favorendo la penetrazione degli attivi.  Gli anticellulite vanno applicati, generalmente, 2 volte al giorno durante la prima fase del trattamento e poi una volta al giorno per il mantenimento con una durata complessiva di almeno 1 mese. L'ideale è poi programmare il trattamento almeno 4 volte l'anno (in pratica a ogni cambio di stagione) e non solo nel periodo pre-estivo. Utile è poi effettuare un peeling sull'epidermide del corpo una o due volte alla settimana per facilitare l'eliminazione delle cellule morte e rafforzare la penetrazione dell'anticellulite.
Va anche sottolineato che la cellulite  - che può colpire anche le persone magre - non deve essere confusa con i cuscinetti adiposi che sono caratteristici delle persone sovrappeso e si formano, generalmente, sui fianchi.

Qualche consiglio

Fra i suggerimenti utili a contrastare la cellulite ricordiamo di non condurre  una vita sedentaria, non indossare indumenti troppo aderenti o tacchi 'vertiginosi', ridurre zuccheri e grassi nell'alimentazione e favorire l'assunzione di frutta e verdura.


Elisa Da Vinci


Tags:

Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Limitazioni all'uso di Aloe: la petizione dei produttori
Cura del corpo (cosmesi)
01 febbraio 2021
Notizie e aggiornamenti
Limitazioni all'uso di Aloe: la petizione dei produttori