Le noci aiutano il microbiota

11 agosto 2018

News

Le noci aiutano il microbiota



Che le noci facessero bene al cuore è cosa nota. Ma adesso una ricerca dimostra che un consumo regolare di questi frutti aiuta a ricostituire anche il microbiota intestinale

L’intestino ringrazia


Delle loro virtù già si sapeva. Ora uno studio dell'Università dell'Illinois (Usa), pubblicato sulla rivista The Journal of Nutrition, suggerisce di consumarne circa 40 grammi al giorno (in pratica, sei frutti) per tre settimane, intervallate ognuna da 7 giorni di sospensione. Una vera e propria cura che avrebbe lo scopo di salvaguardare e ricostituire la flora batterica intestinale, ovvero quel popoloso universo che va sotto il nome di microbiota, fondamentale per il nostro benessere fisico e psichico. Con il termine microbiota, infatti, si intende tutta la popolazione di batteri, funghi, virus e altri elementi, che convivono dentro di noi, o meglio nel nostro intestino. Una popolazione variegata, che ha una sua autonomia ed è in costante interazione con il nostro cervello. Oltre ad avere un'azione diretta con il nostro sistema immunitario. Cioè: più il microbiota è in equilibrio, meno l'organismo umano si ammala.

E il cuore pure


Un motivo in più per consumare noci, benché con moderazione se si hanno problemi di peso. Questo tipo di frutta secca è infatti assai calorico e 100 grammi apportano 600 calorie. Resta il fatto, ormai dimostrato scientificamente, che il consumo regolare di tre o quattro noci al giorno riduce del 30 per cento il rischio di malattie cardiovascolari. Questo grazie ad alcune sostanze, tra cui l'acido linoleico, l'acido linolenico e l'arginina: un mix da più parti ritenuto un'arma efficace nella prevenzione dell'ipercolesterolemia e altre patologie correlate all'insorgenza di ictus e infarto.

Via lo stress

A ciò si aggiunga l'elevato contenuto di zinco, un minerale prezioso per il buon funzionamento del nostro organismo, e poi rame, potassio, magnesio, calcio, zolfo, ferro e vitamine del gruppo B. È soprattutto a queste ultime che si deve anche la significativa azione antistress derivante dal consumo di noci. Un'azione che è potenziata dalla presenza di acidi grassi omega 3 e 6, i quali - come è stato dimostrato - hanno una buona influenza perfino sul tono dell'umore. Per restare in ambito "salutistico", le noci sono indicate anche in casi di cosiddetto "diabete insipido" per il loro contenuto di inositolo, una sostanza che viene dispersa facilmente da chi soffre di questa patologia (diversa dalle classiche forme di diabete).

Avvertimento per i vegetariani

Se il vantaggio nutrizionale derivante dal consumo di noci è assodato e vale per tutti, i nutrizionisti ne raccomandano l'inserimento costante in particolare nella dieta delle persone che seguono un regime vegetariano. Le proteine contenute nelle noci, infatti, sono preziose per bilanciare la carenza di proteine animali che i regimi vegetariani possono comportare.

Gloria Brolatti



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie



Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Linguine con crema di rucola, piccadilly e noci
Alimentazione
15 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Linguine con crema di rucola, piccadilly e noci
Cosa mangiare in viaggio
Alimentazione
14 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Cosa mangiare in viaggio
Diarrea del viaggiatore, che fare
Alimentazione
10 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Diarrea del viaggiatore, che fare
L'esperto risponde