Cos’è la disbiosi intestinale

15 novembre 2019

News

Cos’è la disbiosi intestinale


La disbiosi intestinale è sempre più comune e rappresenta spesso la risposta a stili di vita e alimentari poco corretti del nostro tempo. È una alterazione della flora batterica intestinale (o alterazione del microbiota intestinale).
Il nostro intestino, infatti, è abitato da popolazioni batteriche - miliardi di microrganismi - che sono fondamentali per la tutela della salute. L'alterazione di queste colonie si evidenzia in un mutamento della qualità o quantità dei microrganismi presenti nell'intestino.
 
La flora intestinale è composta da milioni di batteri e influenza tante funzioni del nostro corpo: dalla regolazione del sistema immunitario all'assorbimento degli zuccheri e molto altro ancora. Quando questo equilibrio si rompe, si innescano reazioni che possono portare a infiammazioni della mucosa intestinale (fino a diventare croniche) e scatenano patologie in altri organi del corpo.
Ecco perché si dice che la disbiosi può essere causa di malattia. Questa modificazione interessa sia il colon sia il tratto del tenue. E modifica anche la funzionalità dell'intestino.
Al contrario, quando il sistema dei batteri intestinali funziona bene, è sano, si parla di eubiosi: in questo caso la quantità dei batteri cattivi non è predominante rispetto a quelli buoni.

I sintomi della disbiosi


  • o scompenso della flora intestinale, che conduce alla disbiosi, presenta numerosi sintomi e non è sempre facile ricondurli ad una diagnosi precisa. In particolare:
  • irregolarità del tratto intestinale
  • meteorismo
  • disturbi della digestione
  • alitosi
  • gonfiore addominale
  • dolore addominale
  • diarrea
  • stipsi
  • cefalea
  • stanchezza
  • reflusso gastroesofageo
  • disturbi del sonno
  • infezioni genitali ricorrenti.

Le cause della disbiosi


Lo abbiamo detto all'inizio. La disbiosi intestinale è un "problema contemporaneo". La sua diffusione è cresciuta in modo esponenziale negli ultimi, così come è avvenuto per altre malattie dell'intestino, chiamato anche il "secondo cervello" per evidenziarne il ruolo strategico che esercita nel mantenimento della salute e del benessere.
Sotto accusa soprattutto l'alimentazione non corretta, l'abuso di farmaci e antibiotici, lo stress. Innanzitutto il cibo: quello che mangiamo ha una conseguenza immediata sulla composizione batterica dell'intestino. In particolare, la quantità di zuccheri e grassi e gli alimenti raffinati presenti sulle nostre tavole influenzano la permeabilità dell'intestino, provocando infiammazioni anche croniche. Così come una dieta monotematica o priva di verdure è un "fattore" di rischio. Il risultato è uno stato di scompenso costante della flora batterica con conseguenze sulla salute. Ad aggravare la situazione, poi, l'assunzione crescente/l'abuso di antibiotici. Ma pure l'abuso di lassativi e sulfamidici.


Carla De Meo



Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Rettorragia
26 novembre 2019
Sintomi
Rettorragia
Disbiosi intestinale: come si cura
22 novembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Disbiosi intestinale: come si cura
Acidità di stomaco
05 novembre 2019
Patologie mediche
Acidità di stomaco
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube