Infanzia difficile pesa da adulti

15 dicembre 2009
News

Infanzia difficile pesa da adulti


Aver avuto un'infanzia difficile aumenta i rischi di sviluppare alcune condizioni patologiche nel corso della vita, in particolare depressione maggiore, alti livelli di infiammazione e presenza di marcatori di sindrome metabolica. I dati emergono da uno studio del King's College di Londra che ha elaborato le informazioni raccolte in una coorte di circa mille individui, valutati all'età di 32 anni. Su di loro erano disponibili i dati di esposizione a tre tipi di esperienze psicosociali difficoltose: disagio socioeconomico, maltrattamento e isolamento sociale. Da adulti è stata indagata l'eventuale presenza di depressione maggiore e sono stati misurati il livello di proteina C-reattiva, che indica il livello di infiammazione, e i marcatori di rischio metabolico come sovrappeso, ipertensione, colesterolo totale, LDL, emoglobina glicata e livelli di consumo massimo di ossigeno. Incrociando i dati, è emerso che i bambini che, nei primi dieci anni di vita, avevano vissuto esperienze stressanti, avevano un rischio maggiore di presentare un quadro clinico poco salutare. Secondo gli autori dell'analisi, nel periodo infantile di queste persone, si sono instaurate anomalie emotive, immunitarie e metaboliche che sono perdurate nel tempo e che contribuiscono a spiegare il loro elevato rischio di sviluppare patologie che si manifestano con l'età, e non in fasi più giovanili. (S.Z.)

Arch Pediatr Adolesc Med. 2009 Dec;163(12):1135-43




Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube