Flebite

29 agosto 2017

Flebite



Definizione


Infiammazione della parete venosa, che colpisce soprattutto le vene superficiali (flebite superficiale), in particolare delle gambe. Quando l'infiammazione è associata alla presenza di un coagulo di sangue che ostruisce il vaso, si parla di tromboflebite. Alcune volte vengono interessati dal trombo i grossi vasi, non localizzati in prossimità della cute, dando lungo a una trombosi venosa profonda, che interessa soprattutto le vene della gamba e dell'anca. In questo caso il coagulo può provocare una embolia, cioè viaggiare lungo i vasi con conseguenze anche fatali.

Cause


Le flebiti superficiali sono molto spesso causate da un trauma, per esempio un'iniezione endovenosa, o da un'infezione nella vena o vicino a questa. Frequentemente colpiscono soggetti con vene varicose. Le tromboflebiti conoscono diverse cause, per esempio la lunga permanenza in posizione seduta o patologie che alterano la coagulazione. Le trombosi venose profonde hanno di norma origine da gravi traumi come le fratture o gli interventi chirurgici. Esistono anche condizioni ereditarie che facilitano la formazione di trombi (trombofilia).

Sintomi

La zona interessata si presenta gonfia e dolorante, la cute si arrossa e si avverte più calda al tatto. Le vene superficiali si induriscono e possono essere rilevate alla palpazione come un cordoncino dolente. A volte il dolore diventa molto vivo e, nel caso delle vene degli arti inferiori, può arrivare a compromettere la deambulazione. Tuttavia, nelle trombosi venose profonde la componente infiammatoria è meno evidente e i sintomi posso essere molto sfumati.

Diagnosi

Di norma nelle flebiti e tromboflebiti più superficiali l'esame obiettivo è sufficiente. Se sono interessati i vasi profondi sono necessarie indagini strumentali come l'eco-doppler e l'angiografia. Per determinare se vi è una predisposizione alle trombosi si effettuano alcuni esami del sangue: antitrombina III (AT-III), proteina C, proteina S e altri.

Cure

La terapia delle flebiti superficiali prevede analgesici e FANS per il trattamento del dolore e dell'infiammazione. In presenza di trombi, specie nei vasi profondi, si ricorre a farmaci anticoagulanti specifici quali l'eparina e gli anticoagulanti orali (warfarin). Nelle trombosi venose profonde molto recenti, possono essere usate sostanze ad azione fibrinolitica (che sciolgono il trombo). I farmaci anticoagulanti vengono utilizzati anche in funzione preventiva, nei soggetti ad alto rischio.

Cure complementari

Per gli accidenti vascolari più gravi, come tromboflebiti e trombosi venose profonde, non sono proponibili cure alternative. Per le flebiti superficiali possono essere applicati alcuni rimedi fitoterapici: pungitopo come antinfiammatorio, biancospino per la circolazione periferica. L'omeopatia propone Aesculus hippocastanum come antidolorifico e Hamamelis virginiana per la congestione venosa.

Alimentazione

Una dieta che comprenda alimenti ricchi di antiossidanti (vitamina A, E, C), quali frutta e verdura, contribuisce a mantenere in condizioni ottimali i vasi sanguigni. Allo stesso risultato contribuisce la riduzione dei grassi animali (carne e latticini).


Vedi anche:


Potrebbe interessarti
Misurare la pressione è importante, i risultati dello screening in farmacia
Cuore circolazione e malattie del sangue
17 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Misurare la pressione è importante, i risultati dello screening in farmacia
Stenosi aortica, terapie meno invasive con la procedura TAVI
Cuore circolazione e malattie del sangue
15 ottobre 2018
Notizie e aggiornamenti
Stenosi aortica, terapie meno invasive con la procedura TAVI
Malattie delle valvole cardiache: cause, sintomi e cure
Cuore circolazione e malattie del sangue
25 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Malattie delle valvole cardiache: cause, sintomi e cure
L'esperto risponde