Amoxicillina ratiopharm

03 luglio 2020

Amoxicillina ratiopharm




Amoxicillina ratiopharm è un farmaco a base di amoxicillina triidrato, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici penicillinici. E' commercializzato in Italia da Teva Italia S.r.l. - Sede legale.


Confezioni e formulazioni di Amoxicillina ratiopharm (amoxicillina triidrato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Amoxicillina ratiopharm (amoxicillina triidrato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Amoxicillina ratiopharm (amoxicillina triidrato) e perchè si usa


Amoxicillina ratiopharm è indicato per il trattamento delle seguenti infezioni in adulti e bambini (vedere paragrafi 4.2, 4.4 e 5.1):

  • Sinusite batterica acuta;
  • Otite media acuta;
  • Faringite e tonsillite streptococcica acuta;
  • Riacutizzazioni di bronchite cronica;
  • Polmonite acquisita in comunità;
  • Cistite acuta;
  • Batteriuria asintomatica in gravidanza;
  • Pielonefrite acuta;
  • Febbre tifoide e paratifoide;
  • Ascesso dentale con cellulite diffusa;
  • Infezioni di protesi articolare;
  • Eradicazione di Helicobacter pylori;
  • Malattia di Lyme.

Amoxicillina ratiopharm è indicato anche per la profilassi dell'endocardite.

Tenere in considerazione le linee guida ufficiali sull'uso appropriato degli antibatterici.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Amoxicillina ratiopharm (amoxicillina triidrato)


Ipersensibilità al principio attivo, a una qualsiasi delle penicilline o a uno qualsiasi degli eccipienti.

Storia di grave reazione di ipersensibilità immediata (ad es. anafilassi) a un altro beta-lattamico (ad es. cefalosporina, carbapenem o monobactam).

Infezioni sostenute da microorganismi produttori di penicillinasi.

Mononucleosi infettiva accertata o sospetta (rischio accresciuto di reazioni cutanee) (vedere paragrafo 4.4).



Amoxicillina ratiopharm (amoxicillina triidrato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti di tossicità riproduttiva. I dati limitati sull'uso di amoxicillina durante la gravidanza nell'essere umano non indicano un aumento del rischio di malformazioni congenite. Amoxicillina può essere usata in gravidanza quando i potenziali benefici superano i potenziali rischi associati al trattamento.

Allattamento

Amoxicillina viene escreta nel latte umano in piccole quantità, con un potenziale rischio di sensibilizzazione. Ne consegue la possibilità di insorgenza di diarrea e infezione micotica delle mucose nel bambino allattato con latte materno, con eventuale necessità di interruzione dell'allattamento. Amoxicillina deve essere utilizzata durante l'allattamento soltanto dopo una valutazione del rapporto beneficio/rischio da parte del medico.

Fertilità

Non sono disponibili dati sugli effetti di amoxicillina sulla fertilità umana. Dagli studi di riproduzione condotti sull'animale non sono emersi effetti sulla fertilità.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube