Trimonase

24 gennaio 2021

Trimonase


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Trimonase (tinidazolo)


Trimonase è un farmaco a base di tinidazolo, appartenente al gruppo terapeutico Antiamebici. E' commercializzato in Italia da Farmitalia Industria Chimico-Farmaceutica S.r.l.

Confezioni e formulazioni di Trimonase disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Trimonase disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Trimonase e perchè si usa


Infezioni da Trichomonas vaginalis del tratto urogenitale in pazienti di ambo i sessi.

Infezioni da organismi come Lamblia intestinalis e Entamoeba histolica.

Si raccomanda il trattamento contemporaneo del partner, onde evitare infezioni.

Indicazioni: come usare Trimonase, posologia, dosi e modo d'uso


Infezioni da Trichomonas vaginalis: 4 compresse prese in una sola volta con poco liquido.

In genere basta una sola somministrazione. In caso di reinfezione ripetere il trattamento a distanza di 8 giorni.

Amebiasi e lambliasi: 1-3 compresse al giorno secondo la natura dell'infezione e secondo giudizio medico. In genere il trattamento è di 5 giorni.

La posologia sopra descritta è solo indicativa: è comunque in rapporto alla gravità dell'infezione e quindi va secondo indicazione medica.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Trimonase


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Come tutti i medicamenti analoghi, il Trimonase è controindicato nei pazienti con discrasie sanguigne o anomalie del sangue, antecedenti o in corso, o affezioni organiche del sistema nervoso centrale.

Poiché questi farmaci superano la barriera placentare, il Trimonase è controindicato durante i primi 3 mesi di gravidanza e per le donne che allattano

Trimonase può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Il tinidazolo non ha mostrato effetti teratogeni su due specie (ratto, topo).

In assenza di uno studio epidemiologico, il basso numero di gravidanze esposte non consente di concludere la sua innocuità sul piano malformativo. Il tinidazolo attraversa la barriera placentare.

Il Trimonase è controindicato nel primo trimestre di gravidanza; nel secondo e nel terzo trimestre deve essere utilizzato solo nel caso di assoluta necessità sotto il diretto controllo del medico.

Dato che il tinidazolo viene escreto nel latte materno ed è presente nel latte materno fino a 72 ore dopo la somministrazione, l'allattamento deve essere interrotto durante la terapia e fino a tre giorni dopo l'interruzione del trattamento con Trimonase.

Quali sono gli effetti indesiderati di Trimonase


Patologie del sistema emolinfopoietico

Leucopenia

Disturbi del sistema immunitario

Ipersensibilità

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Diminuzione dell'appetito

Patologie del sistema nervoso

Cefalea, convulsioni, neuropatia periferica, parestesia, ipoestesia, disturbi sensoriali, atassia, capogiro, disgeusia.

Patologie dell'orecchio e del labirinto

Vertigine

Patologie vascolari

Vampate di calore

Patologie gastrointestinali

Diarrea, nausea, dolore addominale, glossite, stomatite, alterazione del colore della lingua.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Dermatite allergica, prurito, angioedema, orticaria.

Patologie renali e urinarie

Cromaturia

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Piressia, affaticamento

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa