POLISONNOGRAFIA

06 maggio 2021
Esami diagnostici

POLISONNOGRAFIA


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Che cos’è?


Si tratta di un esame non invasivo che consiste nella registrazione, durante una notte, di tutti i parametri cardiaci e respiratori e dello stato di ossigenazione del sangue e dell'attività cerebrale. Consiste nella registrazione di rumore respiratorio o flusso aereo oro-nasale, frequenza cardiaca, ossimetria e posizione corporea.

Perché si fa?


Serve per la valutazione e la diagnosi della roncopatia semplice (il russamento abituale), della più grave sindrome delle apnee ostruttive (OSAS), dell'insufficienza respiratoria e della sindrome delle gambe senza riposo.
Il medico di medicina generale richiede questo esame per i pazienti che presentano:

  • Russamento abituale e persistente.
  • Pause respiratorie nel sonno (apnee notturne) riferite dal partner o da familiari.
  • Risvegli frequenti con senso di soffocamento.
  • Sonnolenza diurna.
  • BMI >29 (pazienti con indice di massa corporea [rapporto tra l'altezza e il peso] molto elevato, obesità grave).
  • Circonferenza collo >43 cm (M) o 41 cm (F).
  • Alterazioni cranio-facciali e anomalie oro-faringee (alterazioni anatomiche che determinano una riduzione del calibro delle prime vie aeree).

In pratica

Serve per determinare la presenza dei disordini del sonno e del respiro.
L'esame può essere fatto comodamente a casa propria (polisonnigrafo portatile).
Il medico applica alcuni sensori sul torace, il saturimetro da dito (una specie di pinza sul dito medio che misura la saturazione dell'ossigeno) e posiziona la cannula nasale (un tubicino nel naso).
Questi sensori durante il sonno registrano il flusso respiratorio nasale, il livello di saturazione dell'ossigeno del sangue e i movimenti respiratori toracici e addominali. Lo strumento si attiva automaticamente e la registrazione dura circa 10 ore.
Come prepararsi
La polisonnografia è un esame non invasivo né pericoloso e non richiede particolari preparazioni da parte del paziente.
E dopo?
La mattina successiva, l'apparecchio registratore va riportato nell'ambulatorio dove è stato applicato e il paziente può tornare alle normali attività.
Le registrazioni verranno poi analizzate da un computer e refertate (commentate) da un medico specialista nei disturbi del sonno. Il paziente riceve i risultati in 2-3 giorni.

Tags:

Guida alle analisi mediche:

Vedi anche:
Ultimi articoli