#coronavirus: un numero verde per aiutare psicologicamente gli anziani soli

06 maggio 2020

Indicazioni e comportamenti

#coronavirus: un numero verde per aiutare psicologicamente gli anziani soli


Chiusi a casa a lungo a causa dell'emergenza Covid1 -19 gli anziani affrontano un periodo delicato sia dal punto di vista fisico che psicologico. E gli effetti della clausura spesso sono destinati a durare nel tempo. In loro aiuto è stato istituito un numero verde che offre supporto psicologico. L'iniziativa è di Senior Italia FederAnziani con la Società Italiana di Psicologia dell'Emergenza. I professionisti risponderanno alle chiamate di quanti hanno bisogno di una voce amica e di un sostegno psicologico per superare questa fase difficile. Il numero verde è 800.99.14.14 (dalle ore 14.00 alle ore 19.00).


In aumento la depressione negli anziani


Spiega il dottor Luca Pezzullo, Presidente dell'Ordine degli Psicologi del Veneto: "Restare fermi tra le mura domestiche ha contribuito a peggiorare diverse problematiche. Ad esempio, chi aveva bisogno di riabilitazione motoria è stato costretto a interrompere le sedute di fisioterapia a causa dell'emergenza virus, e questo ha provocato un peggioramento delle sue capacità di movimento.

Gli anziani che soffrono di deficit cognitivi a causa dell'isolamento sociale si sono visti privati delle consuete attività di stimolo emozionale e cognitivo. La quarantena ha anche costretto gli anziani a interrompere le attività sociali di routine: la passeggiata fino all'edicola o qualche commissione, il ritrovarsi al bar con gli amici....

"Questa difficile situazione sta contribuendo ad aumentare gli episodi di depressione. Gli anziani si sentono meno autosufficienti e più insicuri. C'è stata una forte riduzione della spinta a fare. Inoltre, mentre prima spesso i nonni si occupavano dei nipotini, ora sono costretti a non frequentarli più, almeno per un lungo periodo. Questa privazione aumenta il loro senso di solitudine e di impotenza.


Tecnologie in aiuto degli anziani


"Come aiutarli? Sono molto utili i rapporti telefonici e on line. Bisogna incoraggiare gli anziani a tenersi in contatto con i familiari anche con l'aiuto di tablet, webcam e smartphone. Si dovrebbe fornire un supporto tecnico a quei nonni che non sono abituati a questi sistemi di comunicazione. Sempre online gli anziani possono seguire attività di stimolo per evitare il peggioramento dei deficit cognitivi. Bisogna incoraggiare gli over 70 a mantenere o riprendere la propria autonomia. Infine ricordiamo che gli anziani hanno molto da insegnare ai giovani, sono un esempio di come nel corso della vita sia possibile affrontare e superare le inevitabili difficoltà. Non si devono sentire un peso, ma una preziosa risorsa".


Alessandra Margreth



Speciale Coronavirus:


Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube