Terza età: un decalogo per viverla in salute

15 maggio 2019

News

Terza età: un decalogo per viverla in salute



Le aspettative di vita si sono ormai prolungate e grazie alle scoperte scientifiche e ai progressi della medicina essere 'diversamente giovani' e godere di serenità e benessere anche dopo i 60 anni è possibile. Tuttavia per mantenersi in salute anche in età avanzata è bene seguire stili di vita adeguati prendendosi cura di se stessi. Eccovi dieci regole d'oro per il vostro benessere.

1) Seguire un'alimentazione bilanciata

A ogni età l'alimentazione sana e bilanciata è il primo mezzo per sentirsi bene, mantenersi in forma e prevenire molte patologie, soprattutto di tipo metabolico (dislipidemie e diabete in primis) e cardiovascolare (ipertensione, infarto, ictus, coronaropatie ecc.), nonché alcuni tumori. La dieta ideale è quella mediterranea ricca di frutta e verdura fresche; cereali, pesce e carni bianche nella giusta misura; poca carne rossa e insaccati. A questi alimenti si aggiungono i latticini, meglio se magri, per proteggere le ossa senza eccedere con trigliceridi e colesterolo.

2) Bere a sufficienza

Con l'avanzare dell'età lo stimolo della sete diminuisce ma il bisogno di liquidi dell'organismo aumenta. Per assicurarsi un'adeguata idratazione (essenziale, in particolare, per il buon funzionamento dei reni, dell'intestino, dell'apparato cardiovascolare e del cervello) è importante bere a sufficienza, ossia almeno 1,5-2 litri di liquidi al giorno, tra acqua, succhi di frutta, tisane, brodi e zuppe di verdura. Non dimenticatevene, soprattutto in estate.

3) Fare movimento tutti i giorni

Muoversi un po' ogni giorno è fondamentale durante tutto il corso della vita per permettere all'apparato muscolo scheletrico di crescere e mantenersi sano, per tutelare la funzionalità cardiaca e respiratoria, per restare in forma, per scaricare la tensione e anche per migliorare le prestazioni intellettive. Questi aspetti che diventano ancora più importanti quando l'età avanza. Non servono grandi sforzi: basta praticare un'ora dell'attività fisica che si preferisce almeno 2-3 volte alla settimana (camminata di buon passo, corsa, bicicletta, ginnastica dolce, nuoto, danza ecc.) o anche salire e scendere le scale.

4) Sì a vino e birra ma evitare i superalcolici

È ormai ampiamente dimostrato che 1-2 bicchieri di vino rosso al giorno, durante i pasti, aiutano a proteggere la salute di cuore e arterie. Ma non bisogna superare queste quantità se non si vuole trasformare il beneficio in danno. Anche la birra, seppur meno utile per la prevenzione cardiovascolare, si può bere in quantità moderata. Da evitare, invece, i superalcolici, privi di qualunque azione positiva e, anzi, in grado di affaticare fegato e reni e di favorire la disidratazione dell'organismo.

5) Tenere allenata la mente

Leggere libri e quotidiani, mantenersi informati, andare al cinema e a teatro, continuare a essere curiosi e a studiare, usare il computer anche con i giochi digitali, partecipare a conferenze e dibattiti, visitare mostre e musei, giocare a carte o a scacchi sono tutte attività che aiutano a tenere la mente allenata. Queste attività contrastano il naturale indebolimento della memoria e prevengono il declino cognitivo associato all'invecchiamento. Senza contare il loro impatto positivo sull'umore, soprattutto se sono svolte in piacevole compagnia.

6) Coltivare amicizie e relazioni sociali

Saper coltivare le amicizie e le relazioni sociali è il segreto per rendere più gradevole la vita a ogni età, per condividere produttivamente interessi ed esperienze, per ricevere stimoli sempre nuovi, per non lasciarsi andare e non sentirsi soli. In età avanzata il maggior tempo a disposizione offre l'occasione per dedicarsi più serenamente ai familiari e alle persone che si amano, traendone un beneficio psicofisico tangibile e assicurando, a chi ci vive accanto, l'affetto che merita.

7) Dedicarsi ai propri hobby

Dopo anni di vita lavorativa intensa e giornate sempre troppo brevi, finalmente, c'è tempo di dedicarsi ai propri hobby. Un ottimo antidoto contro la tristezza e la noia ma anche un mezzo per mantenersi attenti, vitali, reattivi, positivi e trascorrere le giornate con piacere, da soli o in compagnia. Oltre a coltivare gli interessi consolidati, il consiglio è di sperimentare costantemente nuove attività, dando libero spazio a curiosità e inventiva (giardinaggio, collezionismo, fotografia, danza, cucina, ricamo, disegno, lavoro a maglia, sport, viaggi ecc).

8) Trascorrere più tempo nella natura

Oltre ad allontanarsi dall'inquinamento e dai rumori metropolitani, trascorrere più tempo nella natura ha un effetto calmante e positivo sul tono dell'umore e permette di ristabilire ritmi di vita più equilibrati. L'ideale, per chi può, è di concedersi fine settimana o soggiorni periodici al mare, in campagna, in montagna, al lago (in relazione alle proprie preferenze e compatibilmente con lo stato di salute). Il consiglio per tutti, invece, è passeggiare almeno mezz'ora al giorno in un parco o in un'area verde, preferibilmente al mattino e nei giorni di sole per sfruttare anche l'azione benefica della luce.

9) Pianificare controlli medici periodici

Prevenire è meglio che curare e curare presto aiuta a guarire meglio. Per questo motivo, a partire dai 50 anni è importante sottoporsi a controlli periodici, da concordare con il medico di famiglia. In particolare, anche se ci si sente bene, si dovrebbero effettuare le analisi del sangue di routine una volta all'anno e sottoporsi almeno una volta a una visita oculistica e a una valutazione cardiologica. Le donne dovrebbero effettuare regolarmente Pap-test e mammografia e verificare la densità di massa ossea, mentre per gli uomini sono essenziali il test del Psa e la visita andrologica.

10) Prestare più attenzione all'uso di farmaci

Con l'avanzare dell'età, l'organismo diventa particolarmente sensibile agli effetti collaterali dei farmaci e a loro possibili interazioni sfavorevoli. Per evitare spiacevoli inconvenienti è importante assumere i medicinali prescritti dal medico con regolarità e seguendo attentamente le sue indicazioni. Il medico dovrebbe essere sempre interpellato anche prima di utilizzare farmaci da banco (come antinfiammatori e analgesici blandi) o preparati fitoterapici, di norma ben tollerati dall'organismo giovane, ma potenzialmente rischiosi in soggetti anziani fragili.


Commenti

Vedi anche:


Ultimi articoli