Analisi sangue

10 luglio 2017

Analisi sangue




Domanda del 09 luglio 2017

Analisi sangue


Linfociti bassi-bilirubina un po' piu alta- urobilinogeno alto - granulociti neutrofili un po alti - gamma globuline un po alte- vitamina b12 bassa- folati bassi. Questi valori sono relativi a mio figlio che ha 39 anni. Che cosa significano? Indicano qualche malattia? se e utile inviare i risultati e i valori di riferimento me lo faccia sapere. Grazie attendo la sua risposta sulle analisi del sangue
Risposta del 10 luglio 2017

Risposta di ALBERTO TITTOBELLO


Mi scusi, ma non è "utile" mandarmi i valori precisi, è obbligatorio, altrimenti non posso dare un parere.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Risposta del 10 luglio 2017

Risposta di LEONARDO DI ASCENZO


Gli esami tendono ad evidenziare una qualche forma di epatopatia.
Consiglierei di completare gli accertamenti con la ricerca dei virus epatitici A, B e C.
Programmerei anche un'ecografia addome.
Ovviamente il primo passo sarà una bella visita medica da parte del vostro medico di medicina generale.
Cordialmente

Dott. Leonardo Di Ascenzo
Medico Ospedaliero
Specialista in Cardiologia
San Donà di Piave (VE)

Il profilo di LEONARDO DI ASCENZO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Cuore circolazione e malattie del sangue



Potrebbe interessarti
Aritmie. Cosa sono e come riconoscerle
Cuore circolazione e malattie del sangue
18 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Aritmie. Cosa sono e come riconoscerle
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Cuore circolazione e malattie del sangue
27 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne