Dolore caviglia destra

12 agosto 2008

Dolore caviglia destra




30 luglio 2008

Dolore caviglia destra

sono una ragazza di 23 anni, da più di un anno ho dolori continui alla caviglia destra che appare gonfia e limitata nei movimenti. Nel mese di gennaio ho eseguito rx e rmn. Dalla risonanza risulta una sinovite reattiva con versamento periastragalico che circonda il legamento peroneo-astragalico anteriore e distensione sinoviale della guaina dei tendini dei mm. tibiale posteriore e del mm. flessore lungo delle dita. Iniziali segni di sovraccarico a carico dell'astralago. Mi è stato consigliato di rivolgermi ad un reumatologo il quale mi ha diagnosticato un'artrite psoriasica(essendoci nella mia famiglia casi di psoriasi, ma io non presento alcuna lesione cutanea, e mia sorella presenta una dermatite seborroica)curata con 2 mesi di taigalor e urbason. Inizialmente la cura ha dato effetto positivo ma quando ho sospeso il tutto, la situazione è tornata la stessa, dolore continuo alla caviglia, limitazine nei movimenti e gonfiore. Sono andata nuovamente dal reumatolo che mi ha consigliato di riprendere il cortisone ma il mio medico curante mi ha sconsiglito di continuare. C'è da dire che dalle analisi di laboratorio non risulta nienta, ves e pcr nella norma, solo ematocrito leggermente basso. Mi sono rivolta ad un altro reumatologo, mi sta facendo eseguire una serie di analisi, emocromo completo, ves, pcr, elettroforesi delle siero proteine, transaminasi, cpk, sideremia, HLA-B27, reuma test, dai quali non risulta niente, adesso apetto i risultati degli anticorpi anti-citrullina. Vorrei un parere, che ho?mi sapete di qualcosa?Sono stanca. Da più di un anno, ancora nessuno mi sa dire ddi certo che ha la mia caviglia. Cordiali saluti.

Risposta del 12 agosto 2008

Risposta a cura di:
Dott. VINCENZO ROLLO


in assenza di traumi sembra proprio un fatto artritico, infatti ad iuvantibus, la cura che aveva intrapreso all'inizio stava funzionando. Non è necessario che vi siano lesioni cutanee per poter parlare di Psoriasi, anzi spesso compaiono prima i disturbi articolari. Anche gli esami ematochimici non hanno un valore univoco perchè esistono le cosiddette forme siero-negative che danno cioè degli esiti del tutto normali. Intanto calma e si fidi un pò di più dello specialista senza cambiarlo ogni volta.

Dott. Vincenzo Rollo
Casa di cura convenzionata
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia, agopuntura. . . )
Specialista in Medicina fisica e riabilitazione
LECCE (LE)

Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa