Miringotomia e ventilazione tubarica

19 aprile 2015

Miringotomia e ventilazione tubarica




14 aprile 2015

Miringotomia e ventilazione tubarica

Mi sono operato all'orecchio sin. di miringotoma con posa di tubicino che poi mi è stato tolto, perché'quasi fuoriuscito del tutto spontaneamente dopo circa un mese. La situazione dopo quasi otto mesi non è'migliorata di molto ed ho grossi problemi di udito per uno stato infiammatorio cronico. Mi è stato proposto di fare un'intervento in anestesia locale con posa di tubicino " a T" per la ventilazione tubarica. Sono a chiedere tale intervento è'identico al primo di miringotomia o sono due cose diverse. Grazie in anticipo

Risposta del 19 aprile 2015

Risposta a cura di:
Dott. FRANCESCO GEDDA


Per ogni dettaglio sul suo caso specifico, è opportuno che lei si rivolga al collega che la segue. Su un piano più generale, anche se lei non ha fornito notizie sul primo intervento, è molto probabile che il primo drenaggio (quello che lei chiama "tubicino") fosse di piccolo diametro (circa 1 mm di diametro interno) e di conformazione tale da essere estruso spontaneamente. Quando si riscontra una estrusione spontanea (cioè una eliminazione) di questo tipo di drenaggio troppo rapida, senza risoluzione dell'Otite cronica, si può proporre il posizionamento di un tubo a T; questo è un drenaggio più grande, ma - soprattutto - di norma non viene estruso spontaneamente (viene infatti considerato un drenaggio a permanenza ).


Dott. Francesco Gedda
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Otorinolaringoiatria
TORINO (TO)

Ultime risposte di Orecchie naso e gola


Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube