Schizzofrenia

30 agosto 2008

Schizzofrenia




17 agosto 2008

Schizzofrenia

Buongiorno, ho un fratello schizzofrenico paranoico a cui sono già stati attuati 2 ricoveri coatti in quanto violento, il problema è che ha smesso di fare la terapia da due anni e si ritrova in una fase di delirio acuto, la mia domanda è: Possibile che il CIM presso cui doveva sottoporsi alla terapia non insista e lasci tutto così? Probabilmente a seguito di un corso indetto dal Cim è entrato in contatto con tossicodipendenti e fa uso di qualcosa, pasticche o semplice cannabis, al momento non è violento perchè sa che potremmo ricorrere al ricovero, ma la vita in casa è un inferno con le sue paranoie. Ovviamente per lui siamo noi il suo problema e lui non ha bisogno di cure, lavora per massimo un mese e si fa licenziare perchè vede dovunque pericoli per lui. Dal Cim dicono che non possono far nulla, lo psicologo con cui ha avuto a che fare e a cui è assegnato, dopo le sue minacce, è restio ad ogni azione. Cosa possiamo fare?

Risposta del 30 agosto 2008

Risposta a cura di:
Dott.ssa MARIA ADELAIDE BALDO


La legge non prevede interventi coatti se non quando vi sia una situazione acuta di pericolo. Lo so che le famiglie sono lasciate a se stesse e devono affrontare situazioni difficilissime! Le associazioni di familiari sono molto importanti perchè danno un aiuto basato sullo scambio di informazioni e perchè, assieme, si riesce anche a fare pressioni sulle istituzioni sanitarie. Dipende anche molto da dove si abita perchè in certe città ci sono molte più opportunità terapeutiche che in altre.

Dott. Ssa M. Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)

Ultime risposte di Mente e cervello




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube