Una donna che lavora su cinque soffre di mal di testa

25 settembre 2014
News

Una donna che lavora su cinque soffre di mal di testa



stress da rientro lavoro


Lo stress, le posture sbagliate, l'impegno psichico elevato, le troppe ore passate davanti al computer, il turno di notte che porta a un'inversione del ritmo sonno-veglia. Queste le principali cause che determinano il mal di testa nelle donne che lavorano. Dolore, nausea, vertigini e intolleranza alla luce: una donna su 5 ne soffre per colpa della cefalea primaria (non legata altre malattie).
Il disturbo interessa a livello europeo il 5-6 per cento degli uomini e il 18-20 per cento delle donne, nella maggior parte dei casi tra i 25 e i 55 anni.

I dati provengono da uno studio condotto dall'Unità operativa di medicina del lavoro dell'Irccs Fondazione Maugeri di Pavia con le università di Pavia e di Roma-Tor Vergata e l'Irccs Fondazione Istituto neurologico Mondino di Pavia e pubblicato su Gaimle-Giornale italiano di medicina del lavoro ed ergonomia.

Le ripercussioni di questa patologia si avvertono a livello sociale, poiché compromette la qualità di vita, e a livello produttivo per gli alti costi diretti (diagnosi e cure) e indiretti (i giorni di assenza dal lavoro per malattia e la perdita di efficienza produttiva durante gli attacchi).

«Studi europei di autovalutazione riportano una perdita di efficienza media del 35 per cento», scrivono gli autori della ricerca, «e l'assenza per cefalea interessa in Europa il 7-15 per cento dei lavoratori, con una media di 4,4 giorni l'anno persi per emicrania e 2,5 giorni per altre forme di cefalea: solo l'emicrania costa in Europa 27 miliardi di euro all'anno, circa 420 euro per lavoratore».
È quindi importante che il medico individui e monitori i soggetti affetti da cefalea primaria e poiché gli attacchi di questa patologia possono colpire durante il lavoro, va considerato anche l'aspetto della sicurezza: «Del lavoratore affetto da cefalea da un lato, ma anche dei colleghi e delle persone all'esterno dell'ambiente lavorativo che potrebbero essere coinvolti in un eventuale incidente causato dal deficit di attenzione da cefalea».


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Il doce far niente
Mente e cervello
22 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Il doce far niente
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
Mente e cervello
01 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
La diversità potente
Mente e cervello
24 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La diversità potente
L'esperto risponde