Caffè filtrato si associa a minor rischio di infarto e mortalità

03 agosto 2020
News

Caffè filtrato si associa a minor rischio di infarto e mortalità


Secondo uno studio pubblicato su European Journal of Preventive Cardiology, il caffè filtrato è associato a minor mortalità rispetto al non filtrato o a nessun consumo di caffè. «Il nostro studio fornisce prove forti e convincenti di un legame tra metodi di preparazione del caffè, attacchi di cuore e longevità» ha dichiarato l'autore leader Dag Thelle, della University of Gothenburg in Svezia.

Era già noto che il consumo di caffè fosse legato ad aumentato colesterolo totale e colesterolo LDL, dimostrato dallo stesso Thelle, e che le sostanze colpevoli possono essere rimosse attraverso un filtro. Rispetto al caffè filtrato, una tazza del non filtrato contiene circa 30 volte la concentrazione di sostanze che aumentano i lipidi. In questo studio, oltre 500.000 individui sani tra i 29 e i 79 anni rappresentativi della popolazione norvegese, arruolati tra il 1985 e il 2003 e seguiti per circa 20 anni, hanno completato un questionario sul consumo di caffè.

Sono stati anche raccolti dati su diverse variabili, come fumo, peso, pressione sanguigna o attività fisica. Su 46.341 deceduti, 12.621 sono morti per malattie cardiovascolari e 6.202 per cardiopatia ischemica. Rispetto al non consumare caffè, bere la bevanda filtrata è stato collegato a un rischio di morte per qualsiasi causa ridotto del 15%. Per morte da malattie cardiovascolari, il rischio è stato inferiore del 12% negli uomini e del 20% nelle donne.

La mortalità più bassa è stata osservata tra coloro che bevevano da 1 a 4 tazze di caffè filtrato al giorno. «La scoperta che coloro che bevevano la bevanda filtrata sono andati un po' meglio rispetto a quelli che non bevevano affatto caffè non poteva essere spiegata da qualsiasi altra variabili come età, genere o abitudini di stile di vita» ha specificato Thelle. Il rischio di morte per qualsiasi causa o per malattia cardiovascolare o per attacco di cuore con il caffè filtrato è stato minore anche rispetto al non filtrato. «La nostra analisi dimostra che questo era in parte dovuto all'effetto di aumento del colesterolo del caffè non filtrato» ha continuato l'autore. Il caffè non filtrato, rispetto al non consumare caffè, è stato associato ad aumentata mortalità solo tra gli uomini con 60 anni o più, nei quali il non filtrato era collegato a elevata mortalità cardiovascolare. Come ha spiegato Thelle, era disponibile una sola misura del consumo di caffè e poiché durante il follow-up le abitudini di preparazione sono cambiate in Norvegia, è possibile che gli uomini più anziani fossero meno propensi delle donne o dei più giovani a passare al caffè filtrato.

Fonte: Doctor33

Eur J Prev Cardiol. 2020. Doi: 10.1177/2047487320914443
https://doi.org/10.1177/2047487320914443





Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube