Obesità: un problema tutto italiano

13 maggio 2021
Aggiornamenti e focus

Obesità: un problema tutto italiano


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

La popolazione italiana è in sovrappeso, una condizione che coinvolge sia l'età infantile, sia quella adulta: si stima che un bambino italiano su quattro sia obeso o in sovrappeso (dati Istat 2018) e che lo sia ben il 46,1% degli adulti. E si tratta di numeri in crescita. Fra il 1991 e il 2018 si è registrato un incremento del 18% dell'eccesso di peso e del 60% dell'obesità, soprattutto a carico del sesso maschile; complessivamente si stima che l'incremento dell'eccesso di peso verificatosi negli ultimi trent'anni nella popolazione adulta italiana sia stato circa del 30%, di cui solo un terzo riconducibile all'invecchiamento della popolazione.

Obesità: costi economici


Questi numeri rappresentano un motivo di allarme per gli operatori sanitari e per le istituzioni che devono iniziare a considerare l'obesità un problema prioritario, non solo per le conseguenze negative di questa patologia sulla salute, ma anche per il suo impatto economico. È dunque venuto il momento di sensibilizzare su questa emergenza e individuare delle possibili soluzioni. Si calcola che in Europa i costi diretti (per ricoveri e terapie) determinati dall'obesità e dal sovrappeso nella popolazione adulta rendano ragione dell'8% della spesa sanitaria, cui si aggiunge una cifra almeno doppia determinata dai costi indiretti, conseguenti alla perdita di vite umane, di produttività e dei guadagni correlati.

Obesità: problemi sanitari e sociali


Al di là degli aspetti economici, l'obesità si correla a una serie di problemi sanitari e sociali. Questa condizione è strettamente connessa a importanti comorbilità, quali il diabete, l'ipertensione, la dislipidemia, le malattie cardio e cerebrovascolari, i tumori e la disabilità, ma chiama anche in causa le diseguaglianze socioculturali e i comportamenti conseguenti. Il tutto è ulteriormente complicato dallo stigma legato a questa condizione e che determina il manifestarsi di comportamenti e atteggiamenti negativi nei confronti di un individuo unicamente a causa del suo peso eccessivo. Il fatto che lo stigma non risparmi neanche i sanitari rappresenta un ulteriore ostacolo a una corretta gestione dell'obesità, sia per l'atteggiamento dei sanitari nei confronti degli obesi, sia perché responsabile di un minor impegno da parte delle istituzioni.
A rendere ancor più complessa la gestione dell'obesità nel nostro Paese contribuiscono inoltre una serie di criticità che, anche grazie a iniziative come quella del summit previsto per il prossimo 12 aprile, si dovrebbe cercare di identificare e per le quali si dovrebbero individuare delle possibili soluzioni. I punti essenziali sono rappresentati dal fatto che l'obesità non è presente nella lista delle malattie croniche, che le prestazioni riguardanti l'obesità non sono inserite nei Lea e che non esiste una rete nazionale di cura per l'obesità, né un Piano nazionale sull'obesità.

Fonte: Doctor33

Tags:

In evidenza:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Insetti come alimenti, approvata la vendita del verme della farina
Alimentazione
05 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Insetti come alimenti, approvata la vendita del verme della farina
Alla scoperta dell'idromele
Alimentazione
15 maggio 2021
Libri e pubblicazioni
Alla scoperta dell'idromele
Reflusso gastroesofageo, benefici da fico d'india e olivo
Alimentazione
09 maggio 2021
Notizie e aggiornamenti
Reflusso gastroesofageo, benefici da fico d'india e olivo