Eritromicina Lattobionato Fisiopharma

29 maggio 2020

Eritromicina Lattobionato Fisiopharma




Eritromicina Lattobionato Fisiopharma è un farmaco a base di eritromicina lattobionato, appartenente al gruppo terapeutico Antibatterici macrolidi. E' commercializzato in Italia da Fisiopharma S.r.l..


Confezioni e formulazioni di Eritromicina Lattobionato Fisiopharma (eritromicina lattobionato) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Eritromicina Lattobionato Fisiopharma (eritromicina lattobionato) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Eritromicina Lattobionato Fisiopharma (eritromicina lattobionato) e perchè si usa


  • Infezioni delle vie respiratorie superiori ed inferiori, della cute e dei tessuti molli sostenute da Streptococcus pyogenes (streptococco beta-emolitico di gruppo A).
  • Profilassi a breve termine dell'endocardite batterica da Streptococco alfa-emolitico (gruppo viridans) prima di interventi odontoiatrici od altri atti operatori in pazienti con anamnesi di febbre reumatica o malattia cardiaca congenita.
  • Infezioni acute della pelle e dei tessuti molli sostenute da Staphylococcus aureus.
  • Infezioni delle vie respiratorie superiori ed infezioni delle vie respiratorie inferiori sostenute da Diplococcus pneumoniae.
  • Polmonite primaria atipica sostenuta da Mycoplasma pneumoniae (agente di Eaton, organismi pleuropneumonio simili).
  • Sifilide primaria da Treponema pallidum in pazienti allergici alle penicilline.
  • Trattamento di eritrasma da Corynebacterium minutissimum.
  • Coadiuvante nel trattamento con antitossina nelle infezioni da Corynebacterium diphteriae e Corynebacterium minutissimum, al fine di prevenire la creazione di portatori e per la eradicazione del microrganismo nei portatori stessi.
  • Infezioni sostenute da Listeria monocytogenes.
  • Eradicamento di Bordetella Pertussis dal distretto naso-faringeo.
  • Profilassi della pertosse nelle persone esposte al contatto con Bordetella Pertussis.
  • Infezioni sostenute da ceppi di Legionella, in particolare da L. pneumophila.
  • Congiuntiviti nei neonati, polmoniti nell'infanzia, infezioni uro-genitali ed endocervicali negli adulti sostenute da Chlamydia trachomatis.



Come usare Eritromicina Lattobionato Fisiopharma (eritromicina lattobionato): posologia, dosi e modo d'uso


Uso endovenoso ed intramuscolare

Adulti e adolescenti: 1-2 g al giorno fino ad un massimo di 4 g/die per le infezioni più gravi.

Bambini (fino a 12 anni di età): 15 - 50 mg per kg di peso corporeo suddivisi in più somministrazioni al giorno.

Il trattamento deve essere continuato per oltre 48 ore dopo la scomparsa dei sintomi e dopo che la temperatura corporea sia rientrata nella norma.

Nelle infezioni da streptococco, il trattamento deve proseguire per almeno 10 giorni.



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Eritromicina Lattobionato Fisiopharma (eritromicina lattobionato)


Ipersensibilità al principio attivo, ad antibiotici macrolidi, o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Gravidanza e allattamento

L'eritromicina è controindicata nei pazienti in trattamento con astemizolo, terfenadina, domperidone, cisapride o pimozide, poichè ciò può comportare prolungamento dell'intervallo QT e aritmie cardiache che includono tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare e torsioni di punta (vedere paragrafo 4.5).

La somministrazione concomitante con ticagrelor, ranolazina, ergotamina e diidroergotamina è controindicata.

L'eritromicina non deve essere somministrata a pazienti con anamnesi di prolungamento dell'intervallo QT (prolungamento dell'intervallo QT congenito o acquisito documentato) o di aritmia cardiaca ventricolare, comprese torsioni di punta (vedere paragrafi 4.4 e 4.5).

L'eritromicina non deve essere somministrata in concomitanza a inibitori della HMG-CoA riduttasi (statine) che sono largamente metabolizzati dal CYP3A4 (lovastatina o simvastatina), a causa dell'aumento del rischio di miopatia, inclusa la rabdomiolisi (vedere paragrafo 4.5).

Come altri potenti inibitori del CYP3A4, l'eritromicina non deve essere usata in pazienti che stanno assumendo colchicina.

L'eritromicina non deve essere usata nei pazienti che soffrono di grave insufficienza epatica in associazione con compromissione renale.

L'eritromicina non deve essere somministrata a pazienti con alterazioni elettrolitiche (ipomagnesiemia, ipokaliemia a causa del rischio di prolungamento dell'intervallo QT, vedere il paragrafo 4.4).



Eritromicina Lattobionato Fisiopharma (eritromicina lattobionato) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Non esistono studi adeguati e ben controllati condotti sulle donne in gravidanza e durante l'allattamento. L'eritromicina attraversa la barriera placentare ed è nota anche la sua presenza nel latte materno.

Studi osservazionali svolti sull'uomo hanno riportato la comparsa di malformazioni cardiovascolari dopo un'esposizione a prodotti medicinali contenenti eritromicina nel corso dei primi mesi di gravidanza (vedere il paragrafo 5.3). Pertanto, la sicurezza dell'eritromicina durante la gravidanza o l'allattamento non è stata stabilita.

L'eritromicina deve essere assunta dalle donne in gravidanza e durante l'allattamento solo in caso di assoluta necessità.



Quali sono gli effetti collaterali di Eritromicina Lattobionato Fisiopharma (eritromicina lattobionato)


Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati dell'eritromicina, organizzati secondo la classificazione per sistemi ed organi e alla frequenza MedDRA.

Frequenza Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili)

Infezioni ed infestazioni

Colite pseudo-membranosa, superinfezioni causate da batteri o funghi resistenti ad esempio candidosi orale e vaginale.

Patologie gastrointestinali

Anoressia, crampi e dolori addominali, nausea, vomito, diarrea, disfunzione epatica, pancreatite, stenosi ipertrofica del piloro nei neonati.

Disturbi del sistema immunitario

Reazioni allergiche, edema, angioedema, reazioni anafilattiche incluso lo shock anafilattico, orticaria, eruzioni cutanee, anafilassi.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Eruzioni cutanee, eritema multiforme, sindrome di Stevens-Johnson, necrolisi epidermica tossica, prurito, pustolosi esantematica acuta generalizzata (AGEP).

Patologie dell'orecchio e del labirinto

Sordità reversibile, tinnito.

Patologie dell'occhio

Disturbi della visione compreso diplopia e visione offuscata.

Patologie del sistema emolinfopoietico

Eosinofilia.

Patologie cardiache

Aritmie cardiache, tachicardia ventricolare, prolungamento dell'intervallo QT, torsioni di punta, arresto cardiaco, fibrillazione ventricolare.

Patologie del sistema nervoso

Convulsioni, allucinazioni, attacchi epilettici, vertigini, cefalea, insonnia.

Disturbi psichiatrici

Stati confusionali.

Patologie renali ed urinarie

Nefrite interstiziale.

Patologie vascolari

Tromboflebite, ipotensione.

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Dispnea (incluse condizioni asmatiche).

Patologie epatobiliari

Colestasi e ittero colestatico, sintomi simil-epatite, epatomegalia, insufficienza epatica, disfunzione epatica.

Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo

Articolazioni tumefatte.

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Dolore e/o irritazione al sito di iniezione, febbre da farmaco, dolore al petto, febbre, malessere.

Esami diagnostici

Interferenza con le determinazioni fluorometriche delle catecolamine urinarie, aumento di ALT, AST, LDH, fosfatasi alcalina, Y-GT e bilirubina.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo http://www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico


Farmaci:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube