Tyomol

19 gennaio 2021

Tyomol


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Tyomol (paracetamolo + tiocolchicoside)


Tyomol è un farmaco a base di paracetamolo + tiocolchicoside, appartenente al gruppo terapeutico Antipiretici, Analgesici FANS. E' commercializzato in Italia da Bruno Farmaceutici S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Tyomol disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Tyomol disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Tyomol e perchè si usa


Trattamento adiuvante delle contratture muscolari dolorose associate a patologie acute della colonna in adulti e adolescenti di età superiore a 16 anni.

Indicazioni: come usare Tyomol, posologia, dosi e modo d'uso


Da 1 a 2 compresse, 3 o 4 volte al giorno. La dose massima di tiocolchicoside è 16 mg al giorno.

La durata del trattamento è limitata a 7 giorni consecutivi.

Dosi superiori a quelle raccomandate o l'uso a lungo termine devono essere evitati (vedere paragrafo 4.4).

Popolazione pediatrica

Tyomol non deve essere usato nei bambini e negli adolescenti al di sotto dei 16 anni di età a causa di problematiche di sicurezza (vedere paragrafo 5.3).

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Tyomol


  • Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti
  • Nei casi di malattia epatica grave.
  • Non usare in caso di paralisi flaccida o ipotonie muscolari. Il paracetamolo è controindicato nei soggetti con compromissione renale manifesta, salvo diversa indicazione.
  • Durante l'intero periodo della gravidanza.
  • Durante l'allattamento.
  • Nelle donne potenzialmente fertili che non fanno uso di contraccezione.

Tyomol può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

I dati relativi all'uso di tiocolchicoside nelle donne in gravidanza sono limitati. Pertanto, i potenziali rischi per l'embrione e per il feto sono sconosciuti. Gli studi su animali hanno mostrato effetti teratogeni (vedere paragrafo 5.3).

Tyomol è controindicato durante la gravidanza e nelle donne in età fertile che non usano contraccettivi (vedere paragrafo 4.3).

Allattamento

L'uso di tiocolchicoside è controindicato durante l'allattamento poiché passa nel latte materno (vedere paragrafo 4.3).

Fertilità

In uno studio sulla fertilità condotto sui ratti, nessuna alterazione della fertilità è stata osservata a dosi fino a 12 mg/kg, cioè a livelli di dose che non inducono alcun effetto clinico. Tiocolchicoside e i suoi metaboliti esercitano attività aneugenica a diversi livelli di concentrazione, ciò rappresenta un fattore di rischio di alterazione della fertilità umana (vedere paragrafo 5.3).

Quali sono gli effetti indesiderati di Tyomol


Gli effetti indesiderati sono generalmente non comuni ma possono risultare importanti in alcuni casi, soprattutto quelli correlati al paracetamolo.

Gli effetti indesiderati sono presentati secondo il seguente ordine di frequenza: Molto comune (≥1/10); Comune (da ≥1/100 a <1/10); Non comune (da ≥1/1000 a <1/100); Raro (da ≥1/10.000 a <1/1000); Molto raro (<1/10.000), Non nota (la frequenza non può essere stabilita sulla base dei dati disponibili).

Patologie del sistema immunitario

Raro: Angioedema

Molto raro: Reazioni anafilattiche quali rash cutaneo o orticaria

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Raro: Reazioni allergiche cutanee

Metabolismo e nutrizione

Raro: Ipoglicemia

Sangue e sistema linfatico

Raro: Trombocitopenia, pancitopenia, neutropenia, agranulocitosi e anemia emolitica

Patologie del sistema nervoso

Raro: Sonnolenza

Non nota: Convulsioni (vedere paragrafo 4.4)

Patologie gastrointestinali

Raro: Diarrea, dolore epigastrico, nausea, pancreatite, vomito

Patologie epatobiliari

Raro: Ittero

Epatotossicità a seguito di dosi elevate o trattamento prolungato

Non nota: Danno epatico indotto da tiocolchicoside (vedere paragrafo 4.4)

Patologie generali e condizioni relative alla sede di somministrazione

Raro: Febbre

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa