Riduzione frattura acetabolo

16 agosto 2008

Riduzione frattura acetabolo




11 agosto 2008

Riduzione frattura acetabolo

Mio marito ha 53 anni. . Circa 28 anni fa, dopo un grave incidente ha riportato la frattura dell'ileo destro nella regione sovra-acetabolare. E' stato operato e sono state impiantate due viti. Da circa un anno sente fortissimi dolori alla gamba e spesso tende a zoppicare. Da una recente radiografia è emerso che vi è "una importante osteoartrosi dell'anca destra sostanziata da un esteso addensamento ed ispessimento del tetto acetabolare con disuniforme rriduzione di ampiezza dell'interlina articolare "
Vorrei conoscere il parere di un eperto per sapere il da farsi.

Risposta del 16 agosto 2008

Risposta a cura di:
Dott. VINCENZO ROLLO


si tratta della cosiddetta cox Artrosi secondaria, ma al momento la cosa migliore da fare è tenere sotto controllo il peso, non trasportare pesi e praticare esercizi in acqua. Poi una stampella mantenuta al braccio opposto dimiuirà il dolore durante il carico. Solo se il dolore anche con eventuali farmaci anti infiammatori, non si ridurrà si potrà prendere in esame l'intervento chirurgico che in tali casi è di impianto di protesi. . . Data l'età mi sembra precoce e quindi opterei per le prime ipotesi.

Dott. Vincenzo Rollo
Casa di cura convenzionata
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia, agopuntura. . . )
Specialista in Medicina fisica e riabilitazione
LECCE (LE)

Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni




Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube