Tendine del polso

14 giugno 2003

Tendine del polso




Domanda del 23 maggio 2003

Tendine del polso


Buongiorno, mi chiamo Francesco, ho 33 anni e l'anno scorso ho subito l'asportazione di un nevo melanocitico al polso sx.
Da quel giorno, ogni qualvolta sottopongo la mano sinistra ad uno sforzo seppur minimo (ad esempio: il sorreggere un mazzo di chiavi o dei semplici fogli di carta), la ferita costituita da soli 3 punti, muta di colore passando da rosa a viola e avverto una fastidiosa sensazione di pizzichio, tale da non permettermi di continuare a sorreggere il peso.

Interpellati più ortopedici, ho raccolto opinioni assai discordanti:
- il legamento del polso è stato "toccato" per errore durante l'intervento chirurgico al polso;
- il Morbo di De Quervain.

Inoltre, ho già sostenuto una cura costituita da 2 cicli di cortisone 25mg e antinfiammatorio per una durata complessiva di 20gg.
Essa ha avuto solo un temporaneo effetto antidolorifico, ma non ha inciso sull'alterazione del colore della ferita quando è posta sotto sforzo.

Da cosa sono affetto?
Come mi posso curare?

Sentitamente ringrazio.
Risposta del 14 giugno 2003

Risposta di VINCENZO ROLLO


sembra verosimile un interessamento vascolare. valuti la possibilità di eseguire sedute di laserterapia e magnetoterapia

. VINCENZO LANFRANCO ROLLO


Il profilo di VINCENZO ROLLO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio


Ultime risposte di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Dolori alla cervicale. Cause e sintomi
Scheletro e articolazioni
11 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Dolori alla cervicale. Cause e sintomi
Fisioterapisti in farmacia, nuova edizione della campagna le mani giuste
Scheletro e articolazioni
04 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Fisioterapisti in farmacia, nuova edizione della campagna "le mani giuste"
Infortuni sportivi d’estate: come rimediare
Scheletro e articolazioni
13 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Infortuni sportivi d’estate: come rimediare