Anziani, l'andatura è compromessa dall'adipe delle gambe

25 febbraio 2013

News

Anziani, l'andatura è compromessa dall'adipe delle gambe


andatura degli anziani, massa muscolare, massa grassa

Il rallentamento dell'andatura degli anziani non dipende soltanto dalla perdita di massa muscolare, ma anche dall'aumento della massa grassa a livello delle gambe. Secondo i medici Wake forest baptist medical center di Winston-Salem, in North Carolina, infatti, potrebbe bastare osservare il grasso corporeo localizzato nella coscia per predire, negli anziani sani, un maggior rischio di compromissione della mobilità. I ricercatori sono partiti dal dato raccolto in letteratura per cui ogni riduzione di 0,1 metri/secondo nella velocità dell'andatura è associata a un incremento della mortalità del 12% e hanno preso in esame le misure della composizione corporea di 2.306 anziani (per metà donne), e li hanno associati alla progressivo rallentamento nell'affrontare, a velocità normale, una distanza di 20 metri. Le prestazioni sono state cronometrate al centesimo di secondo in due occasioni successive a distanza di quattro anni. La velocità ad andatura normale è diminuita in media di 0,06 metri /secondo nell'arco dei quattro anni. Il grasso intermuscolare iniziale è risultato essere un buon predittore di quanto possa diminuire la velocità, sia negli uomini sia nelle donne. Negli uomini, in particolare, la relazione è indipendente dall'adiposità corporea totale. Secondo i ricercatori, insomma, non è determinante solo la riduzione della massa muscolare, ma anche l'aumento del grasso. «La presenza elevata e l'aumento del grasso intermuscolare nella coscia sono importanti predittori della perdita di velocità dell'andatura, e questo implica che l'infiltrazione del grasso nel muscolo contribuisce alla perdita di mobilità con l'età» concludono i ricercatori. «Di converso, anche la riduzione dell'area del muscolo della coscia è predittiva del declino dell'andatura».


Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube