Cosa fare quando il dente del giudizio fa male?

01 novembre 2018
Aggiornamenti e focus

Cosa fare quando il dente del giudizio fa male?


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Viene definito "dente del giudizio" il terzo molare, ovvero il molare più posteriore delle arcate dentarie; circa un quinto della popolazione non ne è provvisto almeno per una unità.
Solitamente esce, all'interno del cavo orale, intorno ai diciotto anni e, per tale motivo, viene definito il dente del giudizio. La sua eruzione può essere normale ma, in una percentuale non irrilevante di casi, è accompagnata da dolori più o meno intensi.

Gonfiori e ascessi dovuti al dente del giudizio


Non di rado questi dolori possono essere associati a gonfiori locali o, in casi più gravi, a manifestazioni di ingrossamento nella regione della guancia e dell'angolo della mandibola: i cosiddetti ascessi di origine dentale. Il termine tecnico per definire questi quadri è: disodontiasi del terzo molare, più semplicemente "ascesso al dente del giudizio".
Perché si verifica questo quadro? Semplicemente perché il dente, non trovando spazio sufficiente nell'arcata dentale, rimane coperto da parte della gengiva. Tra questa gengiva e dente si incuneano dei batteri che - alimentati dai residui di cibo non rimovibili durante le normali manovre di igiene orale - aumento in numero provocando una reazione da parte dell'organismo, come sempre nelle comuni infezioni.
Questi episodi di disturbi gengivali  possono essere fugaci perché, nel frattempo, la gengiva si è rimodellata ed ha consentito di far defluire il materiale infetto oppure intensi, quando questo fenomeno non è possibile e il processo infettivo si propaga in profondità nel tessuto osseo.

Cosa fare?


Sicuramente la terapia antibiotica, opportunamente dosata e sotto sorveglianza dell'odontoiatra, può risolvere l'evento acuto; questo fatto deve essere interpretato come un campanello d'allarme e delle valutazioni specialistiche devono essere prese in considerazione, onde evitare il ripetersi di questi fenomeni. La perdita di un dente del giudizio non può essere considerata una menomazione; in tali circostanze l'eliminazione di un elemento dentale con questo tipo di patologia rappresenterà sicuramente un beneficio per la salute orale complessiva del paziente.
Preventivamente potrebbe essere importante, a diciotto anni, esaminare radiograficamente la posizione di questi denti ma questo tipo di esame andrà prescritto con accuratezza e appropriatezza dall'odontostomatologo che ne ravveda la necessità.


A cura di:
Professor Massimo Gagliani
Professore Associato di Malattie Odontostomatologiche presso l'Università degli Studi di Milano

Tags:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Turismo odontoiatrico: una scusa per andare in vacanza all’estero
Bocca e denti
08 aprile 2021
Notizie e aggiornamenti
Turismo odontoiatrico: una scusa per andare in vacanza all’estero
Dal dentista in sicurezza. Intervista al professor Enrico Gherlone
Bocca e denti
26 marzo 2021
Notizie e aggiornamenti
Dal dentista in sicurezza. Intervista al professor Enrico Gherlone
Stomatiti e afte: sintomi, cause e rimedi
Bocca e denti
23 febbraio 2021
Sintomi
Stomatiti e afte: sintomi, cause e rimedi