Mal di denti: cause, sintomi e cure

02 novembre 2018

News

Mal di denti: cause, sintomi e cure


Il mal di denti (o dolore dentale) è descritto, da tutti gli individui che ne abbiano sofferto, come uno dei più intensi; spesso non è dominabile da comuni analgesici e obbliga la persona che ne sia affetta a ricorrere a una visita in emergenza.

Cause del mal di denti


Il mal di denti è sempre la conseguenza di un processo infettivo, ovvero generato da batteri, che si sono incuneati nel tessuto dentale attraverso una cavità, da loro stessi provocata, nota come carie dentale. Quando questo processo tocca solo la parte più superficiale del dente si parla di pulpite, ovvero di infiammazione del contenuto vascolo-nervoso del dente; quando questo processo, passata questa fase acuta, magari in modo poco rappresentato, si estende alle parti più profonde della polpa, ne determina la distruzione e la reazione dei tessuti che sostengono il dente stesso.
Quando anche questi non sono in grado di arginare la carica batterica si assiste alla formazione di un ascesso attorno al dente (ascesso alveolare acuto) che provoca anch'esso un dolore molto consistente che impedisce al soggetto di mettere in contatto i denti (periodontite).

Dolore da mal di denti


Sia la pulpite che l'ascesso possono essere fonte di dolori molto forti ma caratteristici: nel caso della pulpite, il dolore non è facilmente identificabile, spesso si irradia verso l'occhio (dente dell'arcata superiore) o verso l'orecchio (dente dell'arcata inferiore), è più frequente di notte e viene attivato dall'ingestione di cibi freddi. In inverno l'uscire di casa senza una protezione alla bocca può far emergere questo tipo di dolore.

Cure per il mal di denti

La pulpite, sebbene scatenata da batteri, non può essere lenita farmacologicamente dagli antibiotici, deve essere dominata con l'uso di farmaci a base di paracetamolo in sinergia o meno con antinfiammatori non steroidei (ibuprofene, ketoprofene, nimesulide o similari).
L'ascesso alveolare acuto, per contro, trarrà beneficio dagli antibiotici ad ampio spettro, ovviamente se prescritti sotto stretto controllo del dentista di fiducia.
La cura dei denti che generano questo tipo di dolori è ovviamente obbligatoria sia per fronteggiare la fase acuta, sia una volta che la fase acuta sia passata.


A cura di:
Professor Massimo Gagliani
Professore Associato di Malattie Odontostomatologiche presso l'Università degli Studi di Milano


Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube