Borsite: sintomi, diagnosi e terapia

12 dicembre 2019
News

Borsite: sintomi, diagnosi e terapia


La borsite è una infiammazione. Si manifesta quando, proprio quelle che vengono chiamate "borse" (sono centinaia), piccole sacche che proteggono le articolazioni da attriti e pressioni esterne e che contengono il liquido sinoviale, si infiammano. La conseguenza è un dolore molto intenso che peggiora nel movimento o nella digito pressione della zona. La casistica medica concentra queste manifestazioni soprattutto in quattro aree del nostro corpo:
  • ginocchio
  • anca
  • spalla
  • gomito

Ma possono essere coinvolti anche piede e caviglia. All'interno della borsite, si individuano due tipologie: le borsiti infiammatorie ed emorragiche. Mentre quest'ultime sono causate da un trauma come una caduta o un incidente (rottura dei vasi sanguigni e successivo flusso di sangue nella borsa), le borsiti infiammatorie (le più comuni) si sviluppano nella ripetizione di un movimento o di uno sfregamento. Anche l'invecchiamento, l'obesità e alcune attività come quelle artigianali e musicali possono predisporre a questa infiammazione. Insieme a infezioni batteriche o virali e a patologie come l'artrite reumatoide  e la gotta.


Borsite: sintomi e diagnosi


Il primo segnale di una borsite in corso è il gonfiore della zona del corpo interessata, il suo arrossamento ed eventuali eruzioni cutanee. In questo stato fisico, anche solo muovere l'arto provoca un dolore intenso che può arrivare a impedire l'articolazione: Anche la palpazione può essere dolorosa. La sintomatologia può arrivare a comprendere anche la febbre. In questo caso consultare subito il medico perché potrebbe essere in atto un'infezione.

Dopo un primo soccorso a casa, la diagnosi viene fatta dal medico specialista. Gli esami che restituiscono un quadro preciso della situazione sono la radiografia, l'ecografia, la risonanza magnetica e gli esami del sangue che indagano, dove necessario, la natura del liquido sieroso presente nella borsa.


Borsite: la terapia


La prima cura della borsite è casalinga. Quando ci accorgiamo della presenza di gonfiore e arrossamento, unito a dolore di movimento, vicino a una articolazione, possiamo utilizzare una borsa del ghiaccio per raffreddare la zona, applicare un bendaggio compressivo lieve, mantenere a riposo l'arto interessato dall'infiammazione, associando - se necessario - farmaci antiinfiammatori e analgesici. Nei casi più lievi, il disturbo regredisce progressivamente in una, due settimane. Il primo a scomparire è il dolore (4-5 giorni) mentre il gonfiore potrebbe avere bisogno di più tempo per assorbirsi.

Laddove il problema persistesse - dopo almeno due settimane - si rende necessaria la visita specialistica, esami di approfondimento e una terapia mirata che va dalla prescrizione di antibiotici a terapie con ultrasuoni e laserterapia fino all'asportazione del liquido infiammatorio dalla borsa. Nelle situazioni più critiche, si può arrivare all'intervento chirurgico di borsectomia per asportare la borsa.

Carla De Meo


Fonti:

Grassi et. al Manuale di Ortopedia e traumatologia. Elsevier srl 2007

Cardone D, Tallia AH. Diagnostic and therapeutic injection of the hip and knee. Am Fam Phys. 2003;67(10):2147-2153

Draghi F, Danesino GM, Coscia D, Precerutti M, Pagani C. Overloadsyndromes of the knee in adolescents: sonographic findings. J Ultrasound. 2008;11(4):151-157. doi: 10.1016/j.jus.2008.09.001.

AA.VV., Il manuale Merck di diagnosi e terapia. Quarta edizione italiana, Medicom 2001





Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube