Trigliceridi alti: come abbassarli

22 gennaio 2020

News

Trigliceridi alti: come abbassarli


Definiamo innanzitutto la parola trigliceridi sono lipidi (molecole di grasso) presenti nel nostro sangue. Solo una piccola parte viene prodotta dal fegato. La provenienza principale è rappresentata dalla nostra dieta: gli alimenti che assumiamo quotidianamente. I trigliceridi rappresentano la nostra 'riserva energetica': servono a garantire e trasmettere energia al nostro corpo durante tutto il corso della giornata e vengono progressivamente rilasciati dalle cellule adipose dove si depositano.

Quando se ne assumono più del necessario (quando cioè la dieta registra un livello eccessivo di calorie, è ricca di carboidrati e di grassi saturi), si va incontro ad un tasso alto di trigliceridi nel sangue e alla conseguente patologia collegata a questo trend di innalzamento: la ipertrigliceridemia (è asintomatica e si certifica solo attraverso un prelievo del sangue).
Questi sono i valori di riferimento

  • trigliceridi normali: fino a 150 mg/dl
  • trigliceridi 'al limite': 150-199 mg/dl
  • trigliceridi alti: 200-400 mg/dl.
     

L'innalzamento dei trigliceridi può essere causato da una alimentazione sbilanciata e dall'assunzione di farmaci. In particolare, betabloccanti, estrogeni e alcuni contraccettivi.


Trigliceridi alti: i rischi


I trigliceridi sono alti quando superano dunque la soglia dei 200 mg/dl. È un trend che non va assolutamente trascurato perché mette a rischio la funzionalità e la salute di organi come fegato, pancreas, cuore. E contribuisce al manifestarsi di ictus, infarto, diabete, aterosclerosi, coronaropatie, angina pectoris. Rischi cardiovascolari che aumentano quando si è anche in presenza di colesterolo LDL alto e diabete. Inoltre, secondo recenti studi scientifici, questi rischi sono più diffusi nelle donne.

Trigliceridi alti: come abbassarli


La prima terapia da mettere in atto è la dieta equilibrata, unita a una attività fisica costante come jogging, nuoto, ciclismo (30 minuti almeno, 3 volte a settimana). In caso di sovrappeso, è importante ridurre i chili di troppo. I trigliceridi salgono infatti quando immettiamo troppi zuccheri semplici nel nostro corpo (anche dosi eccessive di alcol) e troppi grassi monoinsaturi (insaccati, carne...).
Allora cosa evitare a tavola? Ecco i principali alimenti da 'bandire':

  • Dolci
  • Prodotti da forno
  • Bevande dolcificate
  • Frutta molto zuccherina (banane, pesche, fichi, uva, cachi, mandarini)
  • Frutta disidratata
  • Marmellata
  • Pizza
  • Patate
  • Polenta
  • Alcolici
  • Sigarette.

È consigliabile fare più pasti durante la giornata, inserendo spuntini a metà mattinata e metà pomeriggio. Va ridotto l'apporto calorico ed è bene astenersi dalle abbuffate.
Mangiare con moderazione carboidrati come pasta, pane, riso, orzo, farro. Preferire comunque il carboidrato integrale. Ridurre il consumo di cibi fritti e di latticini (preferire ricotta e fiocchi di latte).

Vanno invece privilegiati in tavola i seguenti alimenti:

  • Pesce (2-3 volte a settimana). Soprattutto tonno, sgombro, sarde, salmone, merluzzo
  • Carni bianche e magre
  • Frutta secca
  • Kiwi, mele, pere, albicocche, avocado
  • Legumi (fagioli, piselli, lenticchie, fave, ceci)
  • Cereali integrali
  • Verdure (crude e cotte)
  • Olio di oliva extravergine.

Nonostante la dieta equilibrata, che non va mai abbandonata, possono talvolta comunque rendersi necessarie cure farmacologiche insieme a rimedi naturali.

Carla De Meo

Riferimenti bibliografici

American Heart Association, American Stroke Association. Triglycerides: Frequently Asked Questions 



Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube