La depressione si combatte anche  con la tecnologia digitale: la nuova app Giada

08 febbraio 2020
Aggiornamenti e focus, App Giada, Video

La depressione si combatte anche con la tecnologia digitale: la nuova app Giada


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

Chi soffre di depressione, si sente molto spesso solo e attraversa una fase di cambiamento, spesso non accettata e difficilmente compresa da chi gli sta accanto. Il senso di solitudine però accomuna anche familiari e caregiver che, soprattutto all'esordio della malattia, non avendo gli strumenti per affrontarla, si sentono impotenti, isolati, disorientati. Il medico ha poi il difficile compito di informare, educare, impostare un trattamento e ingaggiare sia la persona con depressione sia il suo familiare o caregiver.


Tecnologia utile per pazienti e familiari


Per aiutare i pazienti con depressione, ci sono anche soluzioni tecnologiche, ed è anche disponibile la App Giada, Realizzata da Edra con il supporto non condizionato di Lundbeck Italia, è stata studiata con un gruppo di esperti clinici, con lo scopo di supportare la persona che soffre nelle sfide che la malattia pone quotidianamente, accompagnandola nel percorso di cura grazie a informazioni mirate, ausilio nel monitoraggio e strumenti di motivazione.

Giada è stata strutturata per essere un valido supporto anche per il medico che può quindi affidare a chi soffre di depressione e ai suoi familiari uno strumento di informazione, di aggiornamento e di monitoraggio dell'aderenza al trattamento, aspetto chiave per il recupero dello stato di salute. La nuova App consente, di verificare, oltre alla aderenza terapeutica, il raggiungimento di piccoli miglioramenti quotidiani e rende disponibili informazioni utili sull'umore attraverso un approccio scientifico e disegnato da psichiatri esperti.

«Abbiamo sostenuto sin da subito il progetto dell'App Giada, perché Giada mette al centro le persone coinvolte nel percorso di cura della depressione, supportandole» spiega Tiziana Mele, AD di Lundbeck Italia «E si rivolge non solo alle persone che soffrono direttamente di questo disagio ma anche a coloro che sono coinvolte, direttamente o indirettamente, come i caregiver. Noi di Lundbeck ci impegniamo ogni giorno a migliorare la vita delle persone che soffrono di disturbi mentali e crediamo fermamente che Giada possa essere un supporto prezioso per loro e per chi gli sta accanto».




Tags:

In evidenza:

Salute oggi:

...e inoltre su Dica33:

Ultimi articoli
Covid-19, neomamme: aumentate le visite di salute mentale
Mente e cervello
16 giugno 2021
Speciale Coronavirus
Covid-19, neomamme: aumentate le visite di salute mentale
Alzheimer: le farmacie amiche delle persone con demenza
Mente e cervello
12 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Alzheimer: le farmacie amiche delle persone con demenza
Farmaco anti-Alzheimer, intervista a Luca Pani
Mente e cervello
11 giugno 2021
Notizie e aggiornamenti
Farmaco anti-Alzheimer, intervista a Luca Pani