70…e adesso? Un programma per smettere di fumare

22 marzo 2020

News

70…e adesso? Un programma per smettere di fumare


I consigli del dottor Muir Gray per tutti i "giovani di spirito" dai settanta ai novant'anni e oltre a diventare più attivi, mentalmente e fisicamente. Dal libro "70... e adesso?"


Un programma per smettere di fumare


Smettere di fumare a 70 anni è una delle scelte migliori che possiate fare per acquistare salute, fascino e benessere anche a 80 e 90 anni.

Dire addio al tabacco adesso vuol dire:

  • stabilizzare il rischio di contrarre tumori polmonari ed evitare che si aggravi di anno in anno, come invece farà se continuerete;

  • ridurre il rischio di cardiopatie: ora degli 80 anni tornerà ai livelli dei non fumatori;

  • limitare i rischi dell'anestesia in caso di intervento chirurgico;

  • contenere i sintomi della bronchite.

Non è mai troppo tardi per smettere di fumare - e accorgersi di quanto faccia bene. Anche se ci avete già provato mille volte, provate ancora: oggi esistono tantissime forme d'aiuto e supporto.

Scegliete il momento propizio. Naturalmente è sempre un buon momento per provarci, ma le probabilità di successo aumentano scegliendo un periodo in cui siete particolarmente motivati, ad esempio:

  • il compleanno

  • Il primo dell'anno

  • la nascita di un nipote: non vorrete mettere a repentaglio la salute del piccolo con il fumo passivo!

Rivolgetevi al vostro medico vi potrà indirizzare a un consulente specializzato del servizio sanitario nazionale. Naturalmente potete anche contattare direttamente un consulente: inserite "centri antifumo" nel motore di ricerca del sito dell'OFAD (Osservatorio Fumo, Alcol e Droga) dell'Istituto Superiore di Sanità e cercate il centro più vicino a voi.


Fatevi aiutare


I consulenti non sono i vostri unici punti di riferimento: anche la famiglia e gli amici possono fare la loro parte. Alcune persone sono più motivate, ad esempio, se si impegnano a fare una donazione a un'associazione di beneficenza, oppure se ricevono una telefonata al giorno da un amico. I servizi messi a disposizione dal servizio sanitario nazionale vi daranno un'assistenza su misura. Per ricevere testi o e-mail quotidianamente, contattate un consulente oppure iscrivetevi a un sito specializzato.

Se fumate ancora, smettete. Se avete già provato a smettere, riprovate con un'assistenza adeguata. Se avete amici che fumano, suggerite loro di smettere e intraprendete il percorso insieme.


Segnali premonitori

Se siete afflitti da tosse persistente e raucedine da tre o più settimane, oppure se quando tossite vedete tracce di sangue, consultate il vostro medico: potrebbero essere dei sintomi da non trascurare.


Dal libro "70... e adesso?"



Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube