Onicolisi - smalto semipermanente

18 giugno 2014

Onicolisi - smalto semipermanente




16 giugno 2014

Onicolisi - smalto semipermanente

Buongiorno, volevo esporvi il mio caso semplicemente per capire se devo rivolgermi ad uno specialista oppure il problema potrebbe risolversi da solo:
dall'estetista ho effettuato per due volte consecutive la manicure con applicazione dello smalto semipermanente, la prima volta l'ho tenuto per 2 settimane e la seconda per quasi 3. Tolta la seconda applicazione ho deciso di non rimetterlo più e di far "respirare" le mie unghie. . . . . . amara sorpresa! mi sono ritrovata unghie sottilissime, sembravano pellicola da cucina, si piegavano, in alcuni punti avevi piccole striature sotto l'unghia che sembravano sangue morto. Ora, a distanza di un mese e mezzo le unghie si sono leggermente inspessite, anche se restano ancora deboli, ma purtroppo noto che c'è un distacco dell'unghia dal letto ungueale verso l'estremità dell'unghia, nella parte dove viene di volta in volta tagliata, per capirci. . ho cercato su internet arrivando a trovare descrizioni sull'onicolisi che sembrerebbe individuare il mio problema. Leggevo però che questo genere di problema può essere causato da infezioni, comportando parti dell'unghia ingiallite o verdi a causa dei batteri: io non ho nulla di tutto questo per quanto riesco a vedere a occhio nudo. Chiedo quindi se è il caso che mi rivolgo ad un dermatologo perchè il problema deve comunque essere curato con medicinali o trattamenti particolari oppure se nel mio caso il problema è stato causato dalla rimozione aggressiva dello smalto che ha portato a questo indebolimento ed il problema potrebbe risolversi da solo con la normale ricrescita dell'unghia. Specifico che per "rimozione aggressiva" intendo l'applicazione dell'acetone per mezzo del cotone imbevuto di solvente e incartato nell'alluminio per ammorbidire lo smalto e la successiva asportazione con arnesi che alzano la pellicola di smalto e la "strappano". . . quando ho visto la tecnica sono rimasta alquanto basita. . Grazie in anticipo per la risopsta

Risposta del 18 giugno 2014

Risposta a cura di:
Dott.ssa OLGA CIOCCA


È possibile che il suo problema sia dovuto esclusivamente ai trattamenti effettuati. Dal momento che i tempi di ricrescita delle unghie sono lunghi, ci vorranno diversi mesi (almeno 6) perchè la situazione si normalizzi. Una lacca o un unguento rinforzante specifico può essere d'aiuto: anche senza rivolgersi a uno specialista può chiedere consiglio al Curante o al suo Farmacista di fiducia. Se avesse l'impressione che le unghie non migliorino in alcun modo nel giro di 3 mesi o se la situazione dovesse addirittura peggiorare, si rivolga a uno Specialista, chiedendo comunque prima un parere al suo Curante.

Olga Ciocca
Specialista in Dermatologia e venereologia

Ultime risposte di Pelle




Vedi anche:
Ultimi articoli
Lipomi: cosa sono e quando intervenire
21 febbraio 2020
Notizie e aggiornamenti
Lipomi: cosa sono e quando intervenire
Cisti sebacea: come si sviluppa, come si cura
19 febbraio 2020
Notizie e aggiornamenti
Cisti sebacea: come si sviluppa, come si cura
Psoriasi
03 ottobre 2019
Patologie mediche
Psoriasi
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube