Diarrea del viaggiatore, che fare

10 agosto 2018

News

Diarrea del viaggiatore, che fare



La diarrea del viaggiatore è uno sgradevole disturbo che si manifesta generalmente nei primi giorni di soggiorno e che può colpire gran parte di coloro che si recano in aree geografiche del clima caldo e in cui le condizioni igienico-sanitarie sono scarse. Quelle a maggiore rischio sono l'Africa (a esclusione del Sudafrica), l'India e il Sud-est asiatico, l'America Centrale e parte dell'America Latina.

Qual è la causa


Tra i microrganismi responsabili, l'Escherichia coli è l'agente patogeno più comune. Il batterio è ospite fisso dell'intestino, ma presenta con una gran quantità di varianti. Di queste, l'Escherichia coli enterotossigeno (ETEC) è il ceppo responsabile di oltre il 50% della sindrome diarroica. La principale fonte di contagio è l'ingestione di acqua o alimenti contaminati con residui fecali depositati soprattutto da mosche e altri insetti.

Come riconoscerla e cosa fare


Il sintomo classico è la diarrea (almeno tre scariche al giorno) con feci liquide o pastose, a cui si possono associare, crampi addominali, nausea, vomito, febbre e un senso diffuso di malessere. Il più delle volte la malattia si risolve spontaneamente in pochi giorni (2 o 3 o anche di più), ma è importante evitare la disidratazione mantenendo costante fin dall'inizio l'assunzione di liquidi, a cominciare dall'acqua (per ristabilire l'equilibrio idrosalino è possibile assumere anche una soluzione reidratante reperibile in farmacia). Inoltre, nelle prime 24 ore è meglio stare a digiuno, mentre dal secondo giorno si può ricominciare ad alimentarsi. La dieta ideale per favorire la guarigione include cibi facilmente digeribili come riso bollito, carni bianche, carote e patate lesse, mele, banane.
Una soluzione molto efficace per ripristinare in tempi rapidi la normale flora batterica intestinale alterata dalla diarrea del viaggiatore prevede l'assunzione di probiotici, in particolare lieviti e lattobacilli.
Qualora queste misure da sole non fossero sufficientemente efficaci per il controllo della diarrea, si possono associare farmaci come la loperamide (controindicata per i bambini sotto i 12 anni d'età) e il racecadotril (somministrabile già a partire dai 3 mesi di vita), che agiscono rallentando i movimenti dell'intestino.
Gli antibiotici potrebbero rivelarsi utili per velocizzare la guarigione in caso di sintomi importanti e/o protratti nel tempo. Prima di affrontare un viaggio a rischio, chiedere consiglio al proprio medico sull'opportunità o meno di metterli in valigia.

Come difendersi

La prevenzione si basa sul rispetto di semplici regole.

  • Evitare l'acqua o altre bevande che non siano confezionate, limitandosi quindi al contenuto di bottiglie sigillate.
  • Consumare esclusivamente alimenti cotti, assicurandosi che vengano serviti ancora caldi. I cibi già cucinati ma tenuti fuori dal frigorifero in attesa di essere serviti, possono essere fonte di infezione.
  • Se si vuole mangiare frutta, è sempre meglio sbucciarla prima del consumo.
  • Evitare sorbetti o ghiaccioli non confezionati, così come i cubetti di ghiaccio, in quanto potrebbero essere stati preparati con acqua infetta.
  • Non acquistare alimenti o bevande da venditori ambulanti e diffidare di specialità locali di cui non si conoscono gli ingredienti.

Claudio Buono



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie



Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Linguine con crema di rucola, piccadilly e noci
Alimentazione
15 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Linguine con crema di rucola, piccadilly e noci
Cosa mangiare in viaggio
Alimentazione
14 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Cosa mangiare in viaggio
Le noci aiutano il microbiota
Alimentazione
11 agosto 2018
Notizie e aggiornamenti
Le noci aiutano il microbiota
L'esperto risponde