Antidepressivi e depressione materna alterano linguaggio del nascituro

22 ottobre 2012
News

Antidepressivi e depressione materna alterano linguaggio del nascituro


depressione materna, antidepressivi,linguaggio, bambino

La depressione materna e l'esposizione ad antidepressivi in fase prenatale possono alterare un periodo fondamentale dello sviluppo del linguaggio. È quanto dimostra uno studio effettuato dalla University of British Columbia di Vancouver (Canada) e della Harvard University di Cambridge (Massachusetts, Usa). Nello studio sono stati seguiti tre gruppi di madri: il primo composto da donne depresse trattate con farmaci inibitori della ricaptazione della serotonina (Ssri), il secondo da madri depresse ma non trattate farmacologicamente e il terzo da donne non depresse, come controllo. Il team di ricercatori ha misurato le modificazioni di frequenza cardiaca e i movimenti oculari associati alla presentazione di immagini e suoni ai neonati allo scopo di valutarne lo sviluppo del linguaggio a sei e a dieci mesi; le risposte al linguaggio sono state valutate anche prima della nascita, quando i feti erano a un'età gestazionale di 36 settimane. I bambini inseriti nel gruppo di controllo hanno mostrato le reazioni che gli autori si aspettavano: la discriminazione di vocali e consonanti in una lingua diversa da quella materna era ancora presente a sei mesi ma non più a dieci mesi. Invece, i figli di madri depresse ma non esposte ai farmaci hanno avuto un risultato opposto, riuscendo a percepire le differenze al decimo mese ma non al sesto, mentre i nati da madri che avevano assunto gli antidepressivi non sono riusciti a effettuare la discriminazione di vocali e consonanti né al controllo a sei mesi né in quello a dieci. Riguardo ai feti alla 36ma settimana, si sono registrate risposte allineate alle attese in tutti i gruppi, ma quelli esposti ai farmaci hanno mostrato un'accelerazione dello sviluppo percettivo. Sembra, dunque che la depressione materna e i Sri interferiscano entrambi, pur se in modo diverso, con la normale evoluzione della percezione del linguaggio.




Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube