Reumatismi: infiammazioni da non sottovalutare

07 aprile 2020

News

Reumatismi: infiammazioni da non sottovalutare


I reumatismi sono la conseguenza di articolazioni, tendini, ossa, legamenti, muscoli infiammati. Ne può essere interessato l'intero apparato scheletrico, il sistema articolare, arrivando a colpire anche organi come polmoni, cuore, reni (quando i sintomi vengono trascurati). Le malattie reumatiche sono molto numerose: oltre 150 con natura ed eziologia differente. Colpiscono in Italia 5 milioni di persone (1 su 10) e richiedono differenti approcci terapeutici (l'incidenza è maggiore tra le donne, 75%). Vengono divisi in macro categorie che ne definiscono la loro natura: infiammatoria (artrite), metabolica (gotta), degenerativa (artrosi), extra-articolare (fibromialgia).

«Solo l'artrite e l'artrosi interessano il 16% degli italiani e rappresentano le due malattie croniche più diffuse dopo l'ipertensione» spiega la SIR, Società Italiana di Reumatologia che riunisce 1.500 specialisti reumatologi. «Colpiscono sempre di più anche a causa dell'aumento dell'età media della popolazione. Tuttavia, sono ancora sottovalutate dalla maggioranza dei cittadini che a volte credono (erroneamente) che si tratti solo di dolori inevitabili provocati dall'età o dal clima. Anche per questi motivi, troppe diagnosi vengono formulate tardivamente e quindi spesso si eÌ costretti ad intervenire quando la situazione eÌ già evoluta».

Le malattie reumatiche più diffuse in Italia sono l'artrosi, le artriti, i reumatismi extra-articolari, la gotta, le connettiviti, l'osteoporosi. Le zone del corpo più coinvolte:
  • Mani
  • Piedi
  • Ginocchia
  • Anca
  • Gomito
La prevenzione non è facile. Si possono ridurre le probabilità di insorgenza lavorando sul proprio stile di vita  che significa:

Reumatismi: sintomi e cause


I reumatismi presentano una natura acuta o cronica e generalmente si manifestano con dolore e con una funzionalità ridotta dell'articolazione interessata. Si possono accompagnare anche ad altri sintomi come gonfiore, arrossamento, rigidità delle articolazioni. Un campanello d'allarme è dato da stanchezza muscolare eccessiva e stato d'ansia. Ma i sintomi dipendono molto dalla zona del corpo che è stata colpita.

Qual è l'origine dei reumatismi? Soprattutto fattori genetici come nel caso della gotta (ma il reumatismo non è ereditario), fattori legati all'ambiente (infezioni virali o batteriche), stile di vita (sedentarietà, sovrappeso). Ci potrebbero essere anche delle responsabilità ormonali considerato che la frequenza di queste patologie (in particolare, artrite reumatoide, lupus, fibromialgia) è più elevata tra le donne.

Reumatismi: quale cura


La cura più comune e diffusa è quella base di antinfiammatori non steroidei (FANS), analgesici, corticosteroidi e farmaci "biologici" che consentono di eliminare o ridurre i livelli di dolore e tenere sotto controllo l'evoluzione della patologia. La terapia viene adattata alle differenti forme di reumatismo e allo stadio della malattia.

Per arrivare alla diagnosi, lo specialista reumatologo prescrive una serie di analisi di approfondimento che vanno dagli esami di sangue e urine all'analisi del liquido sinoviale, a radiografie, ecografie articolari, risonanza magnetica, artroscopia.


Carla De Meo


Riferimenti bibliografici

A. Silman, MC. Hochberg,Epidemiology of the rheumatic diseases, Oxford University Press, 2001

R. Marcolongo et al,Uno sguardo verso il futuro: la nuova classificazione delle malattie reumatiche, Reumatismo 1999, 52, 1



Notizie e aggiornamenti:

Vedi anche:


Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube