Gambe e piedi in salute in cinque mosse

12 giugno 2018

News

Gambe e piedi in salute in cinque mosse



Se volete gambe in forma e piedi da...ballando con le stelle, eccovi 5 consigli davvero preziosi. Con la bella stagione gambe e piedi scoprono una nuova vitalità e vengono messi in primo piano grazie a un abbigliamento più leggero e corto, alla rinuncia alle calze e alla sostituzione delle scarpe chiuse con le calzature estive. La pelle delle gambe ha caratteristiche che la differenziano da quella del resto del corpo perché ha una presenza inferiore di ghiandole sebacee, con un film idrolipidico più soggetto alla disidratazione e alla secchezza. Inoltre lo stare per molto tempo in piedi durante la stagione calda può provocare gonfiori ed eccessiva stanchezza  agli arti inferiori mentre i piedi che, per molti mesi, sono stati chiusi nelle scarpe, magari strette e con tacchi alti e costituite da materiali poco traspiranti, possono sviluppare problemi cutanei come macerazione della pelle, dermatiti, micosi ma anche callosità, pelle inspessita dei talloni, ecc. Queste problematiche possono influire sul modo di camminare e sulla postura ripercuotendosi  sul benessere di tutto l'organismo. Va sottolineato poi che sedentarietà, abbigliamento inadeguato e posture scorrette possono causare un rallentamento della circolazione sanguigna e linfatica che ha come riflesso lo sviluppo di gonfiori e fastidi che si fanno sentire soprattutto la sera. Per prevenire gli inconvenienti e mantenere questi organi in salute serve un'accurata igiene e l'impiego di dermocosmetici specifici.

Benessere in pochi punti


Il benessere di gambe e piedi, specie nella stagione calda passa quindi per una corretta attenzione igienico-dermocosmetica a queste parti del corpo che può essere riassunta in pochi punti.

1. Detersione ed esfoliazione


I prodotti da utilizzare per gambe e piedi devono essere delicati e costituiti da tensioattivi non aggressivi e facilmente risciacquabili per evitare un'eccessiva  asportazione dei lipidi superficiali della cute in causata da residui di sapone, shampoo e schiuma dopo la doccia o il bagno. Un'altra operazione importante è l'asciugatura perché le gambe vanno tamponare senza strofinare mentre è necessario asciugare accuratamente gli spazi fra le dita dei piedi e, in caso di sudorazione eccessiva, è bene applicare una polvere assorbente specifica o una crema deodorante. Questo limiterà il rischio di dermatiti, infezioni da funghi e cattivi odori.
Ideale è anche l'impiego di un prodotto esfoliante delicato almeno una volta la settimana da massaggiare insistendo sulle parti più ruvide, ginocchia e talloni. Un pediluvio che favorisce il drenaggio e la circolazione linfatica allevia pesantezza e gonfiore delle estremità ed è utile anche nel caso di iperidrosi (sudorazione eccessiva).
Importante per i piedi è l'utilizzo della pietra pomice da strofinare sulla pianta dei piedi e sul tallone almeno una volta la settimana

2. Idratazione e nutrimento

Dopo la detersione sulla pelle di gambe e piedi vanno impiegati dermocosmetici idratanti e nutrienti che possano riequilibrare il film idrolipidico. Nell'applicazione di questi prodotti è ideale partire dalla pianta del piede, massaggiandola delicatamente e passare poi alla caviglia e risalire lentamente fino alla parte alta delle cosce con movimenti circolari dal basso verso l'alto. Molto utili per combattere gonfiore e pesantezza delle gambe sono i trattamenti specifici defatiganti e decongestionanti a base di creme o gel che possono contenere per esempio escina, ippocastano e centella.
In caso di vesciche da sfregamento una soluzione è data dai cerottini specifici che vanno applicati sulla zona da trattare con forma e dimensione adeguati.

3. Combattere l’eccessiva sudorazione

Se gambe e piedi con le temperature elevate aumentano la sudorazione o la pelle è affetta da un'eccessiva fuoriuscita di sudore è bene optare per una doccia con acqua tiepida corrente (non superiore a 36°C) che per le gambe significa eliminare il sudore combattere la vasodilatazione favorendo la tonificazione della circolazione mentre per i piedi (iperidrosi plantare, che colpisce spesso chi fa sport o soggetti della terza età) significa eliminare il rischio di macerazione della pelle - purché si provveda ad asciugare con cura lo spazio fra le dita anche usando un phon con aria non calda - e combattere il cattivo odore (bromidrosi).  A questo proposito può essere utile l'impiego di talco e creme antiodoranti specifiche.

4. Abbigliamento, postura e attività

Con il caldo si raccomanda di non usare abiti e pantaloni troppo fascianti che ostacolano la circolazione e calzature troppo strette o con tacchi troppo alti che possono compromettere il ritorno venoso. Inoltre per garantire al piede la sua naturale posizione si devono scegliere calzature con punte arrotondate  o sandali dalla pianta di 8mm di diametro in più del proprio piede;  con suole antiscivolo e tacco di 4/5 cm per la donna e al massimo 2,5 cm per l'uomo. Utilizzare possibilmente i salva piede di cotone nel caso di calzature estive chiuse mentre in caso di sport è utile inserire all'interno delle calzature delle solette plantari.
Va sempre controllata la propria postura per evitare fastidi a ginocchia, talloni e fascia lombare. Se si sta molto in posizione eretta e fermi, è importante far lavorare le caviglie sollevandosi sulle punte ogni ora se invece si sta molto seduti, evitare di accavallare le gambe sollevarle tre volte al giorno, almeno per 15 minuti alzandosi, ogni tanto, per fare due passi e riattivare la circolazione. A questo proposito è anche consigliato riposare con le gambe sollevate di 15/20 cm.
Per gambe in salute è utilissimo anche praticare attività fisica e camminare  nonché non accumulare grassi scegliendo un'alimentazione ricca di verdura e frutta 'rosse' ricche di sostanze capillaroprotettrici, insieme a legumi e cereali, vanno invece evitati gli alcoolici e ridotto il quantitativo di sale. Indispensabile poi è assumere molti liquidi durante la giornata.

5. Consigli per il benessere delle unghie

Il benessere dei piedi si basa anche sui trattamenti delle unghie delle estremità che devono essere accorciate - ma non troppo - con un taglio netto e non arrotondato ai lati utilizzando forbici con lama dritta o tronchesi. Meglio evitare i tagliaunghie a mezzaluna che potrebbero favorire la crescita di unghie incarnite. Cuticola e pellicine devono essere asportate con attenzione utilizzando gli specifici bastoncini per evitare i micro-traumi che potrebbero dar luogo a infezioni. Anche sulle unghie poi è necessario applicare una crema idratante e nutriente come quella che si usa per i piedi.
Il benessere delle estremità  passa anche dall'uso di calzature comode con tacco non superiore ai 5 cm, pediluvi defatiganti e la programmazione di  un controllo periodico dal podologo. Non rimuovere calli e duroni da soli, non effettuare bagni troppo caldi e prolungati e non esporsi al sole senza protezione.

Elisa Da Vinci



Vedi anche:


Potrebbe interessarti
Pelle più giovane con i trattamenti giusti
Pelle
18 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Pelle più giovane con i trattamenti giusti
Smagliature e strie: l’importanza della prevenzione
Pelle
14 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Smagliature e strie: l’importanza della prevenzione
Benessere cosmetico per il contorno occhi
Pelle
06 settembre 2018
Notizie e aggiornamenti
Benessere cosmetico per il contorno occhi
L'esperto risponde