Ibuprofene B. Braun Melsungen

22 gennaio 2021

Ibuprofene B. Braun Melsungen


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter


Cos'è Ibuprofene B. Braun Melsungen (ibuprofene)


Ibuprofene B. Braun Melsungen è un farmaco a base di ibuprofene, appartenente al gruppo terapeutico Analgesici FANS. E' commercializzato in Italia da B. Braun Milano S.p.A.

Confezioni e formulazioni di Ibuprofene B. Braun Melsungen disponibili in commercio


Selezionare una delle seguenti confezioni di Ibuprofene B. Braun Melsungen disponibili in commercio per accedere alla scheda completa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):

A cosa serve Ibuprofene B. Braun Melsungen e perchè si usa


Ibuprofene B. Braun Melsungen è indicato negli adolescenti e nei bambini con peso corporeo di 20 kg e al di sopra dei 6 anni di età e per il trattamento sintomatico a breve termine del dolore acuto moderato e per il trattamento sintomatico a breve termine della febbre, quando la somministrazione per via endovenosa è giustificata clinicamente, quando altre vie di somministrazione non sono possibili.

Indicazioni: come usare Ibuprofene B. Braun Melsungen, posologia, dosi e modo d'uso


Posologia

Gli effetti indesiderati possono essere ridotti al minimo usando la più bassa dose efficace per la più breve durata necessaria per controllare i sintomi (vedere paragrafo 4.4).

L'uso deve essere limitato a situazioni dove la somministrazione orale è inappropriata. I pazienti devono passare al trattamento orale appena questo è possibile.

Questo medicinale è indicato per il più breve periodo di tempo necessario. Il trattamento non deve superare i 3 giorni.

Deve essere mantenuta un'idratazione adeguata del paziente per ridurre al minimo il rischio di possibili reazioni avverse a livello renale.

La dose raccomandata di ibuprofene nei bambini e negli adolescenti dipende dal peso o dall'età. In generale, la dose raccomandata giornaliera va dai 20 ai 30 mg/kg di peso corporeo, da dividere da tre a quattro dosi singole giornaliere ( 5- 10 mg/kg).

Bambini dal peso 20 kg -29 kg (6-9 anni): 200 mg di ibuprofene fino a 3 volte al giorno non superando la dose giornaliera massima di 600 mg.

Bambini dal peso 30 kg – 39 kg (10 -11 anni): 200 mg di ibuprofene fino a 4 volte al giorno non superando la dose giornaliera massima si 800 mg.

Adolescenti dal peso maggiore di 40 kg ( 12 -17 anni): da 200 mg a 400 mg di ibuprofene fino a 3 volte al giorno non superando la dose massima giornaliera di 1200 mg.

Non raccomandato in bambini di peso corporeo inferiore a 20 kg o di età inferiore a 6 anni.

L'intervallo tra una dose e l'altra deve essere stabilito in base ai sintomi osservati e alla dose giornaliera massima, e non deve essere inferiore a 6 ore. La dose giornaliera massima raccomandata non deve essere superata.

Insufficienza renale

Devono essere prese precauzioni quando i FANS sono usati in pazienti con insufficienza renale. In pazienti con compromissione renale lieve o moderata, la dose iniziale deve essere ridotta e mantenuta quanto più bassa possibile per la più breve durata necessaria a controllare i sintomi e la funzionalità renale deve essere monitorata. Questo medicinale è controindicato in pazienti con severa insufficienza renale (vedere paragrafo 4.3).

Insufficienza epatica

È necessario prendere precauzioni quando i FANS sono usati in questa popolazione, sebbene non siano state osservate differenze nel profilo farmacocinetico. I pazienti con insufficienza epatica lieve o moderata devono iniziare il trattamento con dosi ridotte, la dose deve essere mantenuta la più bassa possibile per la più breve durata necessaria ed essi devono essere attentamente monitorati. Questo medicinale è controindicato in pazienti con severa insufficienza epatica (vedere paragrafo 4.3).

Modo di somministrazione:

Per uso endovenoso. Questo prodotto medicinale deve essere somministrato solo da operatori sanitari qualificati in un ambiente in cui siano disponibili attrezzature appropriate (durante il trattamento).

La soluzione deve essere somministrata come infusione endovenosa nell'arco di 30 minuti.

Controindicazioni: quando non dev'essere usato Ibuprofene B. Braun Melsungen


  • Ipersensibilità al principio attivo, a altri FANS o a uno qualsiasi degli eccipienti;
  • Anamnesi di broncospasmo, asma, rinite, angioedema o orticaria associati all'assunzione di acido acetilsalicilico (ASA) o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS);
  • Condizioni comprendenti un aumento della tendenza o sanguinamento attivo come trombocitopenia;
  • Ulcera peptica/emorragia attiva o un'anamnesi di episodi ricorrenti (due o più episodi distinti di ulcerazione o sanguinamento dimostrati);
  • Anamnesi di sanguinamento o perforazione gastrointestinale, correlati ad una precedente terapia con FANS;
  • Sanguinamento cerebrovascolare o altro sanguinamento attivo;
  • Severa insufficienza epatica o renale;
  • Severa insufficienza cardiaca (NYHA Classe IV);
  • Severa disidratazione (causata da vomito, diarrea o assunzione insufficiente di liquidi).
  • Gravidanza, nell'ultimo trimestre (vedere paragrafo 4.6).

Ibuprofene B. Braun Melsungen può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza:

L'inibizione della sintesi delle prostaglandine può influenzare negativamente la gravidanza e/o lo sviluppo embrio-fetale. I dati dagli studi epidemiologici suggeriscono un maggiore rischio di aborto spontaneo e malformazione cardiaca e gastroschisi dopo l'uso di un inibitore della sintesi delle prostaglandine nella prima fase della gravidanza. Il rischio assoluto di malformazione cardiovascolare aumentava da meno dell'1% fino a circa 1,5%. Si ritiene che il rischio aumenti con la dose e la durata della terapia.

Negli animali, è stato dimostrato che la somministrazione di un inibitore della sintesi delle prostaglandine ha come risultato una maggiore perdita pre- e post-impianto e mortalità embrio-fetale. Inoltre, maggiori incidenze di varie malformazioni, incluse quelle cardiovascolari, sono state riportate in animali a cui è stato somministrato un inibitore della sintesi delle prostaglandine durante il periodo organogenetico (paragrafo 5.3).

Durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, l'ibuprofene non deve essere somministrato a meno che non sia chiaramente necessario. Se l'ibuprofene è usato da una donna che tenta di rimanere incinta, o durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, la dose deve essere mantenuta quanto più bassa, e la durata del trattamento quanto più breve possibile.

Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi delle prostaglandine:
  • possono esporre il feto a:
    • tossicità cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arterioso e ipertensione polmonare);
    • disfunzione renale, che può progredire a insufficienza renale con oligodramniosi;
  • può esporre la madre e il neonato, al termine della gravidanza, a:
    • possibile prolungamento del tempo di sanguinamento, un effetto anti-aggregante che può verificarsi anche a dosi molto basse;
    • inibizione delle contrazioni uterine con il risultato di un travaglio ritardato o prolungato.
Di conseguenza, l'uso di ibuprofene è controindicato durante il terzo trimestre di gravidanza (vedere paragrafo 4.3).

Allattamento:

L'ibuprofene e i suoi metaboliti possono passare a basse concentrazioni nel latte materno. Ad oggi non sono noti effetti nocivi sui lattanti, per cui per un trattamento a breve termine con dosi basse l'interruzione dell'allattamento non è generalmente necessario; si raccomanda tuttavia di interrompere l'allattamento quando si usano dosi più elevate di 1200 mg/die o periodi più lunghi, a causa del potenziale di inibire la sintesi delle prostaglandine nel neonato.

Fertilità:

Esistono prove che i farmaci che inibiscono la ciclo-ossigenasi/la sintesi delle prostaglandine possono compromettere la fertilità femminile agendo sull'ovulazione. Si tratta di un effetto reversibile interrompendo il trattamento.

Patologie correlate:


Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa