Paracetamolo Sandoz

27 novembre 2020

Paracetamolo Sandoz



Paracetamolo Sandoz: a cosa serve , come si usa, controindicazioni. Confezioni e formulazioni di Paracetamolo Sandoz disponibili in commercio.


Paracetamolo Sandoz è un farmaco a base di paracetamolo, appartenente al gruppo terapeutico Antipiretici, Analgesici FANS. E' commercializzato in Italia da Sandoz S.p.A.



Confezioni e formulazioni di Paracetamolo Sandoz (paracetamolo) disponibili e foglietto illustrativo


Seleziona una delle seguenti confezioni di Paracetamolo Sandoz (paracetamolo) per accedere alla scheda relativa, visualizzare il prezzo e scaricare il foglietto illustrativo (bugiardino):


A cosa serve Paracetamolo Sandoz (paracetamolo) e perchè si usa


Paracetamolo Sandoz 500 mg compresse

Dolore da lieve a moderato e febbre.

Paracetamolo Sandoz 1000 mg compresse

Dolore da lieve a moderato associato a osteoartrite dell'anca e del ginocchio.



Come usare Paracetamolo Sandoz (paracetamolo): posologia, dosi e modo d'uso


Paracetamolo Sandoz 500 mg compresse

Adulti e bambini sopra i 15 anni

1-2 compresse alla volta, fino a un massimo di 6 compresse nelle 24 ore.

Bambini tra i 12 e i 15 anni (40-55 kg di peso corporeo)

1 compressa alla volta, 4-6 compresse nelle 24 ore.

Bambini tra i 9 e i 12 anni (33-40 kg di peso corporeo)

1 compressa alla volta, 3-4 compresse nelle 24 ore.

L'intervallo di dosaggio minimo deve essere di 4 ore. Pertanto, quando i sintomi del dolore si ripresentano, la somministrazione non può essere ripetuta prima che siano trascorse 4 ore.

Pazienti alcolisti

Non deve essere superato il dosaggio massimo di 4 compresse nelle 24 ore.

Modo di somministrazione

Deglutire le compresse con una quantità sufficiente di acqua, oppure scioglierle in una quantità adeguata di acqua, mescolare bene e bere.

La somministrazione ripetuta è permessa, in funzione dei sintomi ricorrenti (dolore).

Paracetamolo Sandoz 1000 mg compresse

Iniziare con mezza compressa (500 mg) e, se necessario, assumere 1 compressa (1000 mg); la dose massima giornaliera è di 4 compresse (4000 mg).

L'intervallo di dosaggio minimo deve essere di 4 ore. Pertanto, quando i sintomi del dolore si ripresentano, la somministrazione non può essere ripetuta prima che siano trascorse 4 ore.

Da non usare nei bambini sotto i 15 anni.

Pazienti alcolisti

Non deve essere superato il dosaggio massimo di 2 compresse nelle 24 ore.

Modo di somministrazione

Deglutire le compresse con una quantità sufficiente di acqua, oppure scioglierle in una quantità adeguata di acqua, mescolare bene e bere.

La somministrazione ripetuta è permessa, in funzione dei sintomi ricorrenti (dolore).



Controindicazioni: quando non dev'essere usato Paracetamolo Sandoz (paracetamolo)


Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.



Paracetamolo Sandoz (paracetamolo) può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento?


Gravidanza

Gli studi epidemiologici sull'uso orale di dosaggi terapeutici di paracetamolo non hanno mostrato effetti nocivi sulla gravidanza né sulla salute del feto/neonato. A dosaggi terapeutici, paracetamolo può essere usato durante la gravidanza.

Allattamento

Paracetamolo viene escreto in piccole quantità nel latte materno. Nei neonati allattati al seno non è stato dimostrato alcun effetto. Paracetamolo può essere usato per breve tempo durante l'allattamento, purché non vengano superati i dosaggi raccomandati. Nell'uso a più lungo termine deve essere raccomandata cautela.



Quali sono gli effetti collaterali di Paracetamolo Sandoz (paracetamolo)


Con i dosaggi terapeutici si verificano pochi effetti avversi. Gli eventi avversi sono elencati di seguito, suddivisi per classe sistemico-organica e per frequenza. Le frequenze sono definite come: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, <1/10), non comune (≥1/1000, <1/100), rara (≥1/10.000, <1/1000), molto rara (<1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Patologie del sistema emolinfopoietico

Rara: agranulocitosi (dopo un uso prolungato), porpora trombocitopenica e anemia emolitica

Disturbi del sistema immunitario

Non comune: reazioni allergiche, in particolare eruzione cutanea, orticaria e febbre

Patologie epatobiliari

Dosaggi di paracetamolo fino a 7,5 g (nei bambini dosi superiori a 140 mg/kg) possono causare danni al fegato; quantità maggiori provocano una necrosi irreversibile del fegato.

Patologie renali e urinarie

Molto rara: in un singolo caso, dopo un utilizzo a lunghissimo termine e a dosi elevate, è stata riportata nefrite interstiziale.



Vedi patologie correlate:



Nota: Nel contenuto della scheda possono essere presenti dei riferimenti a paragrafi non riportati.

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:

Farmaci:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa